"Martorano in Festa": undici serate tra svago, specialità romagnole e dibattiti politici col Pri

Sotto il nome “Martorano in Festa” il Partito Repubblicano di Cesena chiama tutti i suoi simpatizzanti e i cittadini ad una kermesse che raccoglie in sé politica, divertimento, spettacolo e buon cibo

Foto di Piero Pasini

Si terrà dal 19 al 29 luglio al parco Endas di Martorano di Cesena il “Festival della Voce 2018”. Sotto il nome “Martorano in Festa” il Partito Repubblicano di Cesena chiama tutti i suoi simpatizzanti e i cittadini ad una kermesse che raccoglie in sé politica, divertimento, spettacolo e buon cibo. Saranno undici serate dove ciascuno potrà trovare, nell'ambito di un parco accogliente e nelle serate estive che solo le terre di Romagna sanno dare, un momento di ritrovo e di svago.

Aspetto fondamentale sarà il “buon cibo romagnolo” declinato in un ricco menù con le specialità della tradizione locale preparate dallo “Staff di Martorano". "Ormai si contano sulle dita - dice Romano Fabbri segretario dell'Unione Comunale dell'edera -. I partiti politici che organizzano un proprio festival. Noi continuiamo ad essere del numero proprio a simboleggiare la nostra ultra centenaria presenza sul territorio e l'amore che portiamo per la nostra gente al di la delle scelte politiche di ciascuno. Repubblicani nell'anima, ma amici di tutti come è nostra tradizione".

"In queste undici serate, dove gli stand gastronomici apriranno alle diciannove e gli spettacoli inizieranno alle ventuno, – continua il segretario -  nelle varie serate si alterneranno musicisti noti come Claudio Cavalli, Renzo e Luana, Margò 80, La Nuova Romagna folk, Stefania Ciani, Claudio Nanni, Gianfranco Azzali, Patrizia Ceccarelli Lucio Bartolini e David Pacini, inoltre la compagnia dialettale 'De Bosch' e gli Amici della Danza. Tutte le sere ci saranno degli incontri politici guidati dai nostri rappresentanti nelle varie commissioni di studio del partito".

L'annuncio del Festival è anche l'inizio di quella che sarà la campagna elettorale per le amministrative comunale del prossimo anno. Il Partito Repubblicano si presenta come movimento politico aperto al dialogo con tutte le formazioni, specificando bene che intende "lavorare per le generazioni future e non per prendere un pugno di voti con promesse che poi non è possibile mantenere". In questa logica  mette le mani avanti sui vari populismi e sovranismi che agitano la politica; quindi, dialogo si, ma con assoluta fermezza su alcuni principi di fondo come il non illudere l'elettore.

In ambito locale obiettivo primario sono la scuola, la viabilità e la sanità. Tre settori fondamentali dove, da sempre, i repubblicani ravvisano "carenze e mancanze". Inoltre, secondo loro, "le frazioni del cesenate sono ormai ridotte a dei dormitori dove mancano i servizi per far si che un luogo non sia solo residenziale, ma espressione di una comunità. Chiedono quindi una nuova politica fatta di idee e fatti concreti per rivitalizzare queste parti importanti della città. Il centro storico rappresenta la cartina di tornasole per una buona amministrazione. Nonostante i propri dubbi espressi da sempre su piazza della Libertà, questa è ormai una realtà che dovrà essere il motore della nuova Cesena. I parcheggi sono il grande handicap e bisogna reperirne altri". I repubblicani credono nei “parcheggi di scopo” legati alle attività e questi possono essere reperiti, a costi minimi, utilizzando razionalmente  gli spazi intorno e dentro  gli edifici pubblici.

presentazione-festa-repubblicani-martorano-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento