Cesenatico, misure anti-mareggiate. Gozzoli: "Serve personale alle Porte Vinciane"

Nella mozione Gozzoli ricorda che "il Comune di Cesenatico non è dotato di una struttura organizzativa permanente, costituita da addetti assegnati in via esclusiva alla gestione delle Porte Vinciane"

A Cesenatico si continua a discutere della mareggiata del 22 settembre scorso, che ha causato danni quantificati dal sindaco Roberto Buda in oltre 6 milioni di euro. In una mozione, il capogruppo in consiglio comunale del Pd, Matteo Gozzoli, chiede di considerare "l’opportunità di istituire un nucleo ristretto (al massimo due persone), costituito da personale dipendente del Comune di Cesenatico, esclusivamente dedicato alla gestione e al funzionamento delle Porte Vinciane".

L'obiettivo è "valutare meglio i riflessi locali delle comunicazioni diramate dalla Protezione Civile Regionale" ed "acquisire informazioni proprie, in ordine all’evoluzione delle condizioni meteo-marine che coinvolgono specificatamente il territorio di Cesenatico". L'esponente democratico chiede inoltre di "valutare l’istituzione di un coordinamento locale che coinvolga innanzitutto le capitanerie di porto, ma anche la “gente di mare" che opera nel porto di Cesenatico, affinché metta a disposizione tutte le informazioni in proprio possesso, utili a prevenire fenomeni come quello avvenuto il 22 Settembre, fornendo così al sindaco ulteriori elementi di valutazione nell’assunzione delle delicate decisioni, che è deputato a prendere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella mozione Gozzoli ricorda che "il Comune di Cesenatico non è dotato di una struttura organizzativa permanente, costituita da addetti assegnati in via esclusiva alla gestione delle Porte Vinciane, ma di un nucleo che si attiva soltanto in presenza di comunicazioni di allerta provenienti dalla Protezione Civile Regionale". Inoltre sottolinea la mancanza "di un coordinamento locale che assume informazioni proprie e aggiuntive rispetto a quelle trasmesse dalla Protezione Civile Regionale, così come non sussiste, una struttura permanente che valuta in ambito locale i comunicati ricevuti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento