menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco Giangrandi

Marco Giangrandi

Mobilitò il centro, Giangrandi : "Non mi candido, ma se mi chiedono di fare l'assessore vedrò"

Giangrandi, da leader di diversi comitati civici, è stato protagonista di duri scontri con l'amministrazione comunale

Inizia ad entrare nel vivo la corsa verso le elezioni comunali che ci saranno il prossimo 26 maggio. Qualche giorno fa era stato Davide Fabbri a ufficializzare la sua candidatura per la lista civica "Cesena in comune". Non lo seguirà a ruota Marco Giangrandi, tra i fautori prima del Comitato civico "C'entro Anch'io", poi del "Comitato per Cesena". "Le prossime elezioni comunali? Non ho intenzione di candidarmi, ho deciso di sostenere il progetto di Cesena Siamo Noi e appoggiare Vittorio Valletta. Se poi qualcuno mi dovesse chiedere di fare l'assessore, lo prenderei in considerazione", è quanto spiega Giangrandi.

Giangrandi, titolare di Tecnocopi e della cartoleria Bettini, lo scorso aprile è stato protagonista del lancio del "Comitato per Cesena", che si presentò alla città né come un comitato "vecchia maniera", né tanto meno come un partito politico. Piuttosto come un laboratorio di idee per proporre qualcosa di costruttivo per Cesena. "Non faccio più parte di quel progetto",  spiega Giangrandi, che negli anni precedenti fu leader del comitato civico "C'entro Anch'io", protagonista di un duro scontro con l'amministrazione comunale, a cui chiese con forza di bloccare i lavori in Piazza della Libertà. Quella iniziativa permise una mobilitazione basata sulla raccolta di ben 7.500 firme ad una petizione. Si fece promotore del problema della sosta in centro, in particolare per gli esercizi commerciali e per i clienti.

Giangrandi comunque non "capitalizzerà" alle prossime elezioni gli anni di impegno civico, ma mantiene la stessa vena critica verso l'amministazione Lucchi. "Mancano progetti di sviluppo del territorio, la città non è valorizzata, soprattutto nel centro storico. Faccio un esempio su tutti: a Cesena non abbiamo un tribunale a differenza di città come Forlì e Rimini", spiega.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Mare e terra in un piatto gustoso: la seppia coi piselli

Ristrutturare

Muri portanti: cosa c'è da sapere prima di modificarli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento