menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Macfrut, Casali: "Il trasloco a Rimini figlio inconsapevolmente della globalizzazione"

"Cesena e Macfrut potrebbero essere vittime della globalzzazione, che può diventare facilmente un mostro che sa essere cinico, cattivo, che ti impoverisce e ti lobotomizza rendendoti inconsapevolmente succube", afferma Casali

"Occorre un piano che veda Cesena in prima fila sul tema dell'ortofrutta". Il consigliere comunale di Libera Cesena, Marco Casali, esterna torna sull'argomento Macfrut a Rimini alla vigilia dell'apertura della kermesse. "Cesena e Macfrut potrebbero essere vittime della globalzzazione, che può diventare facilmente un mostro che sa essere cinico, cattivo, che ti impoverisce e ti lobotomizza rendendoti inconsapevolmente succube - esordisce Casali -. Un “mostro” che come sappiamo necessita di infrastrutture, perché la globalizzazione non ha tempo da perdere. Porti, areo-porti, centri logistici, alta velocità, strutture alberghiere".

"Per accontentarla occorre polarizzare gli interessi e convergerli su quel punto (virtuale o materiale che sia) - osserva Casali -. Un esempio lampante di ciò è Londra, la città forse più globalizzata al mondo ma anche quella che polarizza tutte le risorse e gli interessi della Gran Bretagna che è viva e vegeta, nella città, ma povera in canna nel forese. La reazione a questo squilibrio si è dimostrata nel voto della Brexit che come sappiamo ha stravinto nelle campagne. Quel voto non è la banale vittoria del populismo. Quel voto ci dice che la globalizzazione, se non governata, può diventare estremamente divisiva perché è la prima a polarizzare".

"La decisione di spostare Macfrut a Rimini è stata inconsapevolmente figlia di quella dinamica disegnata in modo subdolo dalla globalizzazione - continua l'esponente di Libera Cesena -.  Rendersene conto è il primo passo per poter affrontare in modo equilibrato il futuro di  Macfrut, che non è una semplice Fiera, che non si riduce al semplice prospetto annuale degli indici di crescita delle presenze o alla mera cedola del dividendo che riesce a staccare annualmente  a favore dei bilanci comunali. Il Macfrut porta un tema strategico per il futuro, perché capace di combinare gli elementi salutistici ai nuovi stili di vita (si pensi al veganesimo). Affrontare con gli artigli spianati la globalizzazione, evitando però i danni della polarizzazione, è forse la sfida che coinvolge più da vicino il nostro territorio".

"Vogliamo ancora essere un centro internazionale della ortofrutta o vogliamo finire in quell’imbuto globalizzatore che ci porta alla spersonalizzazione o nella strada dell’indistinto? - si interroga Casali -. Dopo l’ubriacatura sui dati esaltanti del Macfrut, spesso necessari per lustrare una scelta politica sicuramente non condivisa dalla gran parte della città, mi pare necessario ora un piano che ci veda ancora in prima fila sul tema. Qualche accenno da parte del presidente Piraccini è arrivato. Sarebbe necessario che questo sussulto fosse colto anche dalla politica e dalle istituzioni perché diventare semplice entroterra riminese sarebbe una magra consolazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento