M5S: "Anci regionale, Pd poco democratico"

"Per l'ANCI la composizione dei 20 consiglieri avrebbe dovuto rispettare la percentuale dei sindaci (70% appartenenti al PD) conguagliata al 60% consiglieri PD e 40% Altri. Ai consiglieri del MoVimento 5 Stelle dell'Emilia Romagna questa ripartizione non è sembrata corretta"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

LA MOLTIPLICAZIONE DELLE POLTRONE

Piccoli comuni, Unioni di comuni, Comunità montane,Consigli Comunali, Consigli provinciali, Consigli regionali, Commissioni, Giunte, etc. Al variegato ed articolato mondo delle amministrazioni locali occorre aggiungere una galassia di ulteriori organismi con compiti talvolta nebulosi e composti con modalità spesso oscure o non definite. Nel dedalo di assemblee congressuali, assemblee di presidenti e di consiglieri, coordinamento dei consigli comunali, coordinamento dell’unione dei comuni, coordinamento dei piccoli comuni, consigli regionali etc. chiunque si smarrirebbe e non ne comprenderebbe il senso. I ruoli ed i fini di tali sovrapposizioni di strutture si perdono nell’oceano di regolamenti, statuti, procedure, prassi che innalzano altissimi muri che separano la pubblica amministrazione dal semplice cittadino, e rendono impossibile ogni controllo e effettiva partecipazione alle decisioni.

DEMOCRATICI A PAROLE, BUROCRATI DEL CLIENTELISMO NEI FATTI

In Emilia Romagna esistono organismi come l’ANCI regionale che dichiarano di avere tra le finalità quella di “perseguire i propri scopi ispirandosi a valori di autonomia, indipendenza, rappresentatività; promuovendo e diffondendo la coscienza dei valori dell’autonomia, della sussidiarietà, del decentramento”. Purtroppo come spesso accade le “alte” finalità dichiarate si scontrano con la realtà fatta di compromessi, relazioni, scambi ed imperizie che rendono le azioni di questi enti profondamente non democratiche.

PARTECIPAZIONE SOTTOZERO: SU 5.000 PRESENTI MENO DI 50!

Un esempio di questo contrasto, l’abbiamo avuto il 14 ottobre, in cui è stata convocata l’ assemblea dei consiglieri comunali di tutta la regione con modalità talmente improvvide da portare la partecipazione di un potenziale di circa 5000 eletti in tutta la regione a poche decine che tra l’altro avevano il delicato compito di nominare il gruppo di coordinamento dei consiglieri comunali regionali che a sua volta avrebbe avuto il compito di nominare i rappresentanti all’interno del consiglio regionale dell’ANCI.

UN ORGANISMO SENZA LEGITTIMITA’

Per l'ANCI la composizione dei 20 consiglieri avrebbe dovuto rispettare la percentuale dei sindaci (70% appartenenti al PD) conguagliata al 60% consiglieri PD e 40% Altri.

Ai consiglieri del MoVimento 5 Stelle dell'Emilia Romagna questa ripartizione non è sembrata corretta in quanto non rispetta il voto degli elettori che non hanno assegnato al PD il 70% dei voti alle amministrative su base regionale.

Tralasciamo l’effettiva utilità di tali organismi per denunciare un percorso che, aggiungendosi alle inique modalità elettive delle città metropolitane, delle unioni dei comuni e del senato, allontana drammaticamente le volontà e le scelte dei cittadini dagli indirizzi politici presi da questi enti pubblici.

LE PROPOSTE DEL Movimento 5 Stelle

Il M5S ha ritenuto di opporsi allo svolgimento di questa assemblea, considerando la scarsa partecipazione e l’assenza di un vero metodo democratico per l’elezione dei componenti degli organismi dell’ANCI regionale. Lotteremo e ci impegneremo in qualsiasi luogo e in qualsiasi assemblea per difendere il diritto dei cittadini a determinare le scelte dei propri rappresentanti pubblici.

M5S CESENA

Torna su
CesenaToday è in caricamento