Politica

M5S: "Scalo merci di Villa Selva: la nostra TAV"

Il Movimento 5 Stelle di Cesena sabato 10 dalle 9 alle 12 e dalle 15,30 alle 19 sarà in piazza Almerici per informare i cittadini sulle ragioni del prorpio no deciso alla Tav in Val di Susa

Il Movimento 5 Stelle di Cesena sabato 10 dalle 9 alle 12 e dalle 15,30 alle 19 sarà in piazza Almerici per informare i cittadini sulle ragioni del prorpio no deciso alla Tav in Val di Susa. "Un'opera inutile - si legge in una nota - , dal costo economico e sociale di 22 miliardi di euro che, come hanno spiegato benissimo 350 docenti universitari non ha senso economico, logistico, di razionalizzazione. Un'opera inutile, che come denunciato dall'ex magistrato Ferdinando Imposimato rischia diventare la "madre di tutte le corruzioni" e delle infiltrazioni mafiose", questa la posizione del M5S.

"Mentre ci si prepara a sprecare miliardi di euro nella TAV in Val di Susa, il territorio della provincia di Forlì-Cesena si trova di fronte al caso dello scalo merci di Villa Selva, la nostra TAV romagnola”.  Costato circa 30 milioni di euro, il suo attuale parziale utilizzo comporta un aggravio di costi ed un mancato introito. Un investimento da 30 milioni di euro che doveva garantire il pareggio di bilancio con 6-7 convogli al giorno, ne vede attualmente passare la miseria di 1 al giorno".

"Prima di pensare di buttare altro denaro pubblico nella TAV in Val di Susa - concludono - la politica pensi a far funzionare bene i treni regionali, spesso molto più simili ai treni che deportavano gli ebrei che non ad un dignitoso traspoto pubblico per centinaia di pendolari, le reti locali e lo scalo di Villa Selva".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

M5S: "Scalo merci di Villa Selva: la nostra TAV"
CesenaToday è in caricamento