Lo sfogo del sindaco di Mercato: "Attenzione sulle scuole non solo in campagna elettorale"

"Invito pertanto tutti quelli inviano interrogazioni in Regione ad entrare nelle scuole, a toccare con mano lo stato di salute degli edifici, che necessitato sì di interventi, ma non solo in campagna elettorale"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

"La provincia di Forlì Cesena, che ho l’onore di rappresentare nella delega edilizia scolastica area cesenate, ha sempre mostrato piena competenza e capacità nell’affrontare le difficoltà che si sono presentate nei vari momenti. Anche la questione legata alle infiltrazioni di acqua dell’edificio liceo scientifico Righi Alpi, sta per ricevere la giusta soluzione. L'impresa è già stata individuata e i lavori saranno calendarizzati appena le condizioni  meteo lo permetteranno. Ma una domanda mi sorge spontanea: perché tanto interesse delle opposizioni sulla scuola, in questo periodo di campagna elettorale? Mi risulta che le risorse destinate a questo settore siano, in questi ultimi tempi, considerevoli. 

4 milioni di euro su Cesena  per una nuova costruzione all’Istituto Agrario, altre consistenti risorse per Cesenatico (Liceo) e per il versante forlivese, queste solo alcune delle risorse messe in campo da questo governo nel nostro territorio sull’edilizia di competenza provinciale. Risorse importanti sono arrivati anche sull’edilizia scolastica di  competenza comunale  (scuole elementari e medie): molti comuni ne beneficeranno per costruire o mettere a norma le loro  scuole: Montiano, Mercato Saraceno, Sarsina, Cesenatico, Cesena, Cesenatico, tanto per citarne alcuni. Ed erano anni che ciò non succedeva.

Ma perchè non ci interessiamo, con la stessa passione, alla didattica?  Forse perché fa meno notizia? Perché abbandonare gli insegnanti, lasciati soli davanti ad attacchi deliranti di incapaci? La scuola deve recuperare il ruolo educativo e di cultura che le spetta di diritto. Queste infiltrazioni la destabilizzano e la rendono debole di fronte alle prepotenze e strumentalizzazioni di certi interventi. Invito pertanto tutti quelli inviano interrogazioni in Regione ad entrare nelle scuole, a toccare con mano lo stato di salute  degli edifici, che necessitato sì di interventi, ma non solo in campagna elettorale".

Torna su
CesenaToday è in caricamento