Libera Cesena: "Salasso Tari, il Comune ha 800mila euro per ridurre le tariffe"

“In questi giorni il mondo dell'economia ha fatto quadrato sul tema Tari. Fa piacere finalmente vedere il mondo imprenditoriale e  sindacale compatto"

“In questi giorni il mondo dell'economia ha fatto quadrato sul tema Tari. Fa piacere finalmente vedere il mondo imprenditoriale e  sindacale compatto e agguerrito per quello che è un vero e proprio sistema occulto di aumento forzoso delle tariffe. Come noto sulla TARI, ma anche sull’acqua la cosa è la stessa, non vengono scalati i lauti dividendi che le società che gestiscono i servizi riversano al Comune di Cesena che come è noto è anche socio del gestore. Un sistema a capitalismo socializzato (come direbbe il sempre vivido economista Giaccalone) che produce inevitabilmente tariffe esose”: lo dice Marco Casali, capogruppo di Libera Cesena.

“Anche la sesta variazione di bilancio prevede uno spaventoso aumento dei dividendi. Il prospetto fornito dal Vicesindaco porta infatti la cifra di 4.201.223 euro con un incremento rispetto al preventivo di 663 mila euro. Maggiori dividendi che arrivano proprio dalla gestione di acqua, gas, rifiuti. Nella variazione di bilancio spunta poi anche una entrata sempre afferente al mondo delle bollette di 160 mila euro relativo al recupero dell’evasione della Tari. Anche in questo caso giova ricordare come le tasse sul pattume che non vengono pagate ricadono tutte, fino all’ultimo centesimo, sui cittadini che invece le pagano perché Hera gli insoluti non se li accolla. In pratica vige la legge dello spalmare le morosità altrui. Una specie di aumento nell’aumento.

In buona sostanza chi paga le bollette si trova schiacciato da: il costo di un servizio pagato profumatamente, che nel caso dei rifiuti negli ultimi 5 anni è aumentato del 10%, dal mancato storno dei dividendi che il comune riceve dalle stesse società che gestiscono il servizio e in più, per non farci mancare nulla, paga anche per quelli che non pagano. Bene, analizzando il bilancio e la sua variazione in discussione ci sono quasi 800 mila euro a disposizione in più per colmare questo scempio. I soldi quindi non mancano per incominciare a diminuire le tariffe nel 2018. Speriamo che non manchi la volontà politica”, conclude Casali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento