Lega: "Gli 'artigiani del corpo' pronti a ripartire in sicurezza, c'è il rischio abusivismo"

“Già in tempi normali gli sono particolarmente attenti alla sicurezza sanitaria, non si comprendono quindi i motivi per cui la loro ripresa sia stata fatta slittare fino a data da destinarsi"

“Dopo le ripetute sollecitazioni della Lega, a livello nazionale e regionale, per la riapertura anticipata di saloni di estetica, parrucchieri e barbieri, rispetto a quanto previsto dal Governo e dalla Regione Emilia-Romagna, anche la consigliera Lia Montalti del Pd si è affrettata a salire sul carro di chi critica la pianificazione della Fase 2, riservata a molte attività, da parte del presidente Stefano Bonaccini”.
Lo affermano i consiglieri comunali del gruppo della Lega.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Già in tempi normali gli ‘artigiani del corpo’ sono particolarmente attenti alla sicurezza sanitaria, non si comprendono quindi i motivi per cui la loro ripresa sia stata fatta slittare fino a data da destinarsi, quando la Regione Marche, per fare un esempio, ha consentito la riapertura di queste attività già il 14 maggio. Il settore benessere è in gravi difficoltà. È stato infatti uno dei primi a chiudere e, se si desse ragione agli incomprensibili diktat governativi e regionali, dovrebbe essere uno degli ultimi a riprendere l’attività, con gravissime ricadute economiche e occupazionali, visto anche il crescente fenomeno dell’abusivismo con i conseguenti rischi sanitari. I professionisti del settore sono già pronti a seguire le regole igieniche da rispettare e da far rispettare alla clientela per tutelare la salute di tutti. Quello che si chiede alle amministrazioni, a tutti i livelli, riguarda un piano di riaperture più veloce e certo per molte attività, comprese quelle del wellness, ristorazione e bar, con regole chiare. Regione e Governo, al contrario, sembrano distanti anni luce dalle esigenze delle varie realtà economiche e dalla imprescindibile necessità di un piano di ripartenza ragionato e compatibile con i tempi di chi deve gestire queste aziende”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento