Lavoro, al via una raccolta firme per due disegni di legge in parlamento

E' partita una raccolta firme per presentare due disegni di legge di iniziativa popolare da presentare in Parlamento a favore delle lavorarici e lavoratori.

E' partita una raccolta firme per presentare due disegni di legge di iniziativa popolare da presentare in Parlamento a favore delle lavorarici e lavoratori. Con i referenti Alessandro Scarponi, segretario Uila Cesena e Alessandro Bandini, segretario Uila Forlì, sono stati coinvolti numerosi lavoratori di aziende del settore agro alimentare della provincia i quali hanno firmato per sostenere questa importante iniziativa nazionale della Uil-Uila - spiega il consigliere provinciale, Lina Amormino -. La prima riguarda il sostegno alla genitorialità, l’occupazione femminile e la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per madri e padri, mentre la seconda punta a migliorare alcune norme in materia di Naspi che attualmente prevede la riduzione dell’assegno di disoccupazione nel tempo e penalizzazioni ai fini pensionistici e di Ape sociale, stabilendo di ridurre il minimo contributivo per accedervi e estendendone la fruibilità a categorie di lavoratori, quali gli operai agricoli e i pescatori, che svolgono attività che non sono considerate come usuranti".

"Rispetto ai temi dell’occupazione femminile e della genitorialità, con l’approvazione della prima proposta di legge le lavoratrici saranno retribuite al 100% per tutto il periodo di congedo di maternità obbligatorio; al rientro, potranno lavorare a tempo parziale fino al compimento del primo anno di età del bambino e la loro retribuzione sarà integrata al 100% dall’Inps - chiosa -. Il padre lavoratore avrà 30 giorni di permesso retribuito obbligatorio per i primi mesi di vita del bambino, mentre entrambi i genitori potranno utilizzare il congedo parentale retribuito al 50% anziché al 30%. L'altro obiettivo è quello di dare una tutela ai lavoratori fissi delle cooperative agricole in materia di indennità di disoccupazione in caso di perdita del lavoro". 

"Sono molto contenta di sostenere questa battaglia che la uila è la uil stanno portando avanti in tutta Italia, una battaglia giusta che sostengo con convinzione perché in Italia le persone e le famiglie hanno bisogno di maggiori tutele su temi molto sentiti come la genitorialità, con il rafforzamento di misure per padri e madri, estendere i diritti dell'ape sociale e migliorare le tutele sulla naspi - conclude Amormino -. La consegna delle firme è prevista per meta' aprile e partecipando ai banchetti per la raccolta firme ho notato molto interesse. Ringrazio Scarponi e Bandini per i vari incontri nelle fabbriche. Questa battaglia di civiltà si concluderà dentro le mura del parlamento e a tal proposito ho coinvolto i parlamentari Galeazzo Bignami e Annamaria Bernini sensibili a queste battaglie a favore dei lavoratori". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento