rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Politica

La lista Cambiamo abbandona la Consulta Agricola: "Ci chiedono una partecipazione puramente ornamentale"

“La questione del bando dei 70mila euro destinato al mondo agricolo rappresenta per noi solo la punta dell’iceberg"


La lista civica 'Cambiamo' esce dalla Consulta Agricola di Cesena. E' la decisione presa dopo le polemiche degli ultimi mesi che hanno visto anche a più riprese la richiesta di dimissioni del presidente. Scrivono in una nota Alberto Scarpellini e Andrea Rossi di Cambiamo: “Malgrado i nostri sperticati appelli ad una partecipazione politica reale e non più solo di facciata, il ruolo della consulta agricola di Cesena in questi ultimi anni è stato, nei fatti, ripetutamente mortificato”. 

“Mai come in questa occasione l’amministrazione comunale, nonostante le continue sollecitazioni, ha deciso di ignorare le richieste di questo organo consultivo che chiedeva semplicemente di poter assolvere i compiti per i quali è stato istituito, ovvero esprimere pareri sui principali problemi del settore agricolo, valorizzare il territorio e le sue risorse, dare un contributo di idee e di competenza alla filiera produttiva locale”. 

“Tutto questo è stato reso impossibile da logiche partecipative puramente ornamentali e dalla solita pantomima sulla ‘politica della condivisione’, quella che a Cesena ti chiede un parere solo quando tutto è già stato deciso. Già nel mese di dicembre, nel corso di una conferenza stampa congiunta con tutte le forze di opposizione, esprimemmo le nostre perplessità sulla gestione della consulta agricola lanciando una sorta di ultimatum. Tre mesi dopo nulla è cambiato, anzi, tanti progetti-chiave che coinvolgono il mondo agricolo cesenate, dai bandi per l’agricoltura al futuro del mercato orto-frutticolo, stanno arrivando a sintesi senza neppur essere passati da questo organismo”. 

“All’inizio della legislatura avevamo confidato in una discontinuità rispetto al passato e, invece, in questi tre anni nulla è cambiato e anche l’azione della consulta si è rivelata inevitabilmente evanescente. Per tutte queste ragioni, il prossimo 30 marzo - giorno in cui è stata convocata (sei mesi dopo l’ultima seduta) la consulta agricola - formalizzeremo l’uscita del gruppo Cambiamo da questo organismo. Lo faremo con sincero rammarico ma anche con la consapevolezza di aver fatto tutto ciò che era nelle nostre possibilità per scongiurare questo triste epilogo”. 

Sempre i due esponenti politici: “La questione del bando dei 70mila euro destinato al mondo agricolo rappresenta per noi solo la punta dell’iceberg nella gestione di questi organi di consultazione che a Cesena sono sempre presentati come strumenti di dialogo trasparente e di sostegno all’intraprendenza civica ma che, nei fatti, sono trattati alla stregua di circoli ricreativi.  Per questo, stanchi di parlare al vento e in geometrica coerenza con la nostra idea di politica, l’avventura di Cambiamo all’interno della Consulta Agricola finisce qui”.

“Il paradosso è che, giovedì prossimo in consiglio comunale, saremo chiamati a votare il cosiddetto ‘Codice della partecipazione’, ovvero quello strumento che dovrebbe incentivare nell’ente pubblico le politiche partecipative. E’ un documento sul quale, come lista civica Cambiamo, abbiamo dato un importante contributo su temi come la  ‘misurabilità’, che impegna il Comune a richiedere ‘la pubblicità di indicatori di misurabilità dei percorsi di partecipazione, inclusione e interazione dei soggetti che il Codice intende normare’; e la ‘trasparenza’ per ‘garantire la piena accessibilità di dati e informazioni detenuti dall’amministrazione in merito alle iniziative di partecipazione predisposte’. Siamo certi che giovedì in consiglio comunale il codice sarà presentato con la rituale enfasi dalla maggioranza. Così come siamo altrettanto convinti che tutto quel castello di buoni propositi resterà, alla prova dei fatti, il solito coacervo di belle parole”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lista Cambiamo abbandona la Consulta Agricola: "Ci chiedono una partecipazione puramente ornamentale"

CesenaToday è in caricamento