La Cgil: "Inutili le liberalizzazioni del commercio. Sì a un accordo vero"

Il sindacato mette in guardia sul pericolo che corrono i piccoli esercizi: "Non potranno reggere la competizione sugli orari di apertura e sulle aperture domenicali e festive con la grande distribuzione"

foto di repertorio

"Fra le tante liberalizzazioni annunciate l'unica che avuto corso è stata quella degli esercizi commerciali, che già il precedente governo aveva avviato". Esordisce in una nota la Filcams Cgil. "Un intervento di nessuna utilità, - prosegue - ma dannoso per il settore, penalizzante per le lavoratrici ed i lavoratori, poiché in una fase di contrazione dei consumi e di recessione, non porterà nuova occupazione, ma introdurrà nuova precarietà nel settore e maggior utilizzo di flessibilità “forzata”, alla quale le imprese ricorreranno per affrontare lo spostamento e non l'incremento dei consumi".

Il sindacato mette in guardia sul pericolo che corrono i piccoli esercizi: "Non potranno reggere la competizione sugli orari di apertura e sulle aperture domenicali e festive con la grande distribuzione". Poi l'affondo: "Per questi motivi la FILCAMS CGIL contesta e contrasterà con ogni mezzo la liberalizzazione del commercio. Per questi motivi la FILCAMS CGIL di Cesena non sarà disponibile a sottoscrivere patti con linee di indirizzo e non vincolanti  in merito alla liberalizzazione di orari e aperture degli esercizi commerciali".

"Pur apprezzando lo sforzo che l'amministrazione comunale di Cesena sta compiendo - continuano - non riteniamo sufficiente un patto che dia solo indicazioni, ma chiediamo una presa di posizione forte da parte di tutti, contro una disposizione inutile e dannosa. Non possiamo pensare, che Enti Locali come Regione e Comuni si facciano scippare una materia di loro  competenza, questa liberalizzazione non riguarda solo gli orari di apertura o le aperture domenicali, ma interviene anche sulle nuove aperture, liberalizzando di fatto i nuovi insediamenti commerciali, sottraendo ai Comuni la gestione del territorio, in un settore economico importante come il commercio".

"La FILCAMS CGIL di Cesena - concludono - propone che si definisca un vero accordo sul commercio, con regole certe, condivise e vincolanti. Pertanto, invitiamo tutti i soggetti, Amministrazioni Comunali ed Associazioni dei commercianti, ad avere coraggio, e ad una assunzione di responsabilità per riprendere il controllo di un settore che nel nostro territorio occupa circa diecimila addetti, sul quale a seguito della liberalizzazione di Monti si potrebbe abbattere un tsunami con conseguenze disastrose".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento