Elezioni a Savignano, Giovannini: "L’integrazione con regole e rispetto della legalità"

L’integrazione deve essere accompagnata da regole e rispetto della legalità

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

«Ettore Stacchini pone un problema giusto e lo fa in modo corretto. Bisogna smettere di cadere in retoriche ideologiche per cui la solidarietà e l'ordine pubblico non vanno di pari passo. A Savignano esiste un problema, inutile negarlo, ed è altrettanto inutile ribadire che l'Amministrazione uscente non ha fatto abbastanza. Allo stesso tempo non è con gli annunci e le proposte vuote e demagogiche della destra che si risolve questo problema». Esordisce così Filippo Giovannini, candidato sindaco del centrosinistra alle prossime elezioni amministrative di Savignano, in risposta alle sollecitazioni avanzate da Ettore Stacchini a seguito dell'episodio del furto dei sacchi contenenti i vestiti destinati alla parrocchia di Castelvecchio.

Dall'ultima rilevazione dell'ISTAT risulta che gli stranieri (di 68 nazionalità diverse, sia UE che extracomunitari) a Savignano sono il 16% della popolazione totale (2.875 abitanti su 17.869), concentrati per quasi l'80% in 5 nazionalità: Albania (808 residenti, pari al 28%), Marocco (675 residenti, pari al 23,5%), Cina (374 residenti, pari al 13%), Senegal (195 residenti, pari al 6,8%) e Romania (192 residenti, pari al 6,7%). Ma il dato da considerare con attenzione è che un cittadino straniero su 4 è minorenne: sono 727 (il 25,3%), di cui la gran parte (558) sono nati in Italia.

Con questi dati è evidente che non possiamo fare finta che il problema non ci sia, ma dobbiamo anche chiederci perché è diventato un problema in questi anni. Dobbiamo iniziare subito a compiere quei controlli che tutti sanno che vanno fatti: negli appartamenti in affitto, negli esercizi commerciali, il presidio del territorio. Lo dico senza timore: in questi anni non si è fatto abbastanza perché si è scambiata l'integrazione con la tolleranza per chi non rispetta le regole. Non è più accettabile. Non ci deve essere più spazio per chi si approfitta delle grandi opportunità che questa comunità offre, come è purtroppo accaduto la settimana scorsa con lo spiacevole episodio del furto dei sacchi.

Allo stesso tempo dobbiamo mettere in atto politiche dell'integrazione serie e concrete. Possiamo anche gridare "fuori tutti" come fa la destra, ma è solo sciocca demagogia per di più inutile a risolvere i problemi. La convivenza si fonda sulle regole, ma non basta. La chiave di volta per tenere insieme la nostra società è il rilancio dell'occupazione. È il lavoro che ordina il tessuto sociale, non le forze di polizia. La vera sicurezza da garantire è quella del futuro dei nostri ragazzi e della loro possibilità di lavorare e costruirsi una vita a Savignano. Il problema della legalità, e dunque della sicurezza, deve essere affrontato a tutto tondo, ed è ciò che faremo».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento