Intervista-terremoto di Sandro Gozi: "Pd superato. I grillini? Non sono compagni che sbagliano"

Parole forti che scuotono il partito in vista delle elezioni amministrative a Cesena, in programma a Maggio 2019

"Bisogna andare oltre il Pd, creare un qualcosa di nuovo, un centro radicale che si batta contro il blocco populista-nazionalista". Dagli studi di "Salotto Blu" su VideoRegione, Sandro Gozi fa capire senza giri di parole che il Partito Democratico è un qualcosa di ormai superato. Intervistato da Mario Russomanno spiega: "Il Pd deve andare oltre se stesso, lo dico con sincerità, non per tattica come fanno molti. E' nato nel 2007 per adattarsi ai cambiamenti della società italiana e europea. Ora deve accettare una nuova sfida, cioè quella di contrapporsi al blocco populista-nazionalista che è molto forte in questo momento". Parole forti quelle del politico cesenate, ex sottosegretario agli Affari Europei dei governi Renzi e Gentiloni che scuotono il partito in vista delle prossime elezioni Europee. Ma questa presa di posizione avrà degli effetti anche sulle prossime elezioni amministrative a Cesena e nei piccoli Comuni, in programma a maggio 2019? Gozi ha sempre fatto valere il suo "pacchetto" anche nelle competizioni elettorali locali.

"Non vedo nulla di nuovo nella proposta di Zingaretti né di Richetti"

L'ex Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, nei governi Renzi e Gentiloni, rincara la dose: "Quando ho contribuito a fondarlo nel 2007, pensavo di aver creato qualcosa di nuovo. Il Pd ha tollerato troppo la continuità con storie del passato. Il mondo è cambiato: rifare il Pds con gli indipendenti di sinistra è uno schema del passato. Non vedo nulla di nuovo nella proposta di Zingaretti, né di Richetti". 

"Centrodestra e centrosinistra non esistono più, Forza Italia è finita. C'è un polo nazionalista che si è fatto governo, un blocco forte a cui bisogna contrapporre un'alternativa". Gozi ha parole di elogio per Minniti: "Ha detto cose giuste, il populismo del Movimento 5 Stelle è lo stesso di quello della Lega, i grillini non sono compagni che sbagliano. Ma un Pd di Minniti non basta". La ricetta è molto chiara: "C'è bisogno di un centro radicale, che si batta per la difesa dei fondamentali dello stato di diritto e dei valori europei. Il mix tra populisti e tecnici sta facendo perdere tempo all'Italia, in questo governo i tecnici non contano nulla, basta vedere l'esempio di Moavero e Tria. E' crollato un sistema politico, l'Italia rischia moltissimo".

"L'Europa ci ha deluso, deve essere rifondata"

Il vice presidente del Movimento Europeo si sofferma poi sulla situazione attuale dell'Unione Europea. Gozi si candidato anche alla presidente dell'Unione federalistieEuropei. "L'Europa ci ha deluso, ha deluso tanti italiani che prima non erano euroscettici. Le misure prese dai governi precedenti, come quello Monti, hanno creato disuguaglianze e disoccupazione". "Nel picco della crisi migratoria tra il 2013 e il 2015 - spiega Gozi - c'era bisogno di una reazione forte e pronta, che invece c'è stata con grande ritardo. Oggi i flussi migratori sono calati dell'86% e Salvini vuole prendersi tutti i meriti". Secondo Gozi "Bisogna rifondare l'Europa, altrimenti rischia di scomparire al cospetto di paesi come Russia e Stati Uniti. Il nazionalismo di Salvini e Orban non è la risposta giusta, citando Mitterrand dico che il nazionalismo ha sempre voluto dire guerra mentre l'Unione Europea ha eliminato i conflitti nel continente". "L'Europa - conclude - deve tornare ad essere un moltiplicatore di opportunità, come è stata per la mia generazione. Un'Europa degli investimenti, che offra opportunità a studenti e giovani disoccupati, e che garantisca sicurezza ai cittadini".

"Pd in Regione non meriterebbe una sconfitta"

Infine l'attenzione dell'ex Sottosegretario agli Affari Europei si sposta sulle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna. "Nonostante tutto il Partito Democratico qui non meriterebbe una sconfitta perché i dati sull'occupazione e gli altri dati economici sono positivi, tanto da porre la nostra Regione al di sopra della Baviera". "Ma i sondaggi - osserva Gozi - danno il Pd perdente - perché anche in Emilia Romagna si sentiranno gli effetti di quello che sta succedendo a livello nazionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento