"Insicurezza percepita: occorrono fatti concreti"

"Dopo la tornata elettorale che ha prodotto un risultato stile “talebano” si torna alla vita quotidiana sotto quasi tutti i punti di vista con pochi cambiamenti nella giunta comunale"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Dopo la tornata elettorale che ha prodotto un risultato stile “talebano” si torna alla vita quotidiana sotto quasi tutti i punti di vista con pochi cambiamenti nella giunta comunale. Il più interessante dal nostro osservatorio privilegiato riguarda la “polizia municipale e sicurezza”. Il sindaco infatti ha avocato a sé tali compiti dopo avere cancellato il tanto enfatizzato assessorato alle sicurezze da lui creato, dimostratosi un fallimento. La criminalità come tutti sappiamo è aumentata, ed ha conferito alla nostra provincia la maglia nera tra le città più insicure. Tanto è vero che la percezione di insicurezza è sotto gli occhi di tutti i cittadini, oggi ammessa anche dai più “ottimisti”.

Apprendiamo con piacere che il sindaco deve individuare un nuovo comandante dei vigili (negli anni non è stato ancora identificato un funzionario che duri nel tempo); deve trovare l’area per la nuova caserma dei carabinieri (magari non all’interno di un supermercato) e trasferire il commissariato al CAPS (opportunità da noi segnalata da tempo). Oltre a ciò suggeriamo al primo cittadino di farsi parte attiva anche per realizzare un maggior coordinamento tra le tante troppe forze di polizia (il sindaco ha poteri dettati dalla legge in tal senso); equilibrare gli organici presenti sul territorio provinciale facendo sì che Cesena non risulti sempre la sorella povera rispetto a Forlì (il sindaco fa parte del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica); istituire un servizio più efficace ed efficiente dei vigili urbani che preveda meno personale in ufficio, a favore della presenza sul territorio, per prevenire l’ondata di reati predatori, in particolare la piaga dei furti (il sindaco oggi è anche il “supercapo” della polizia municipale); installare un sistema di videosorveglianza per contrastare la criminalità con una sala operativa collegata con le agenzie deputate a fornire sicurezza, certamente più utile di Icarus. Non sono più sufficienti le dichiarazioni d’intenti, occorrono fatti concreti e noi per questo continueremo a vigilare con occhio attento e critico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento