Il Pdl sugli scudi: "Pd retrogrado, il Psc ne è la prova"

"Di difficile comprensione - scrive il Pdl di Cesenatico - sono le inutili osservazioni del Pd di Cesenatico sulle modifiche delle norme relative al “territorio urbanizzato” per gli stabilimenti balneari"

"Di difficile comprensione - scrive il Pdl di Cesenatico - sono le inutili osservazioni del Pd di Cesenatico sulle modifiche delle norme relative al “territorio urbanizzato” per gli stabilimenti balneari e la densità edilizia per gli alberghi. Di difficile comprensione perché a parole il Pd dice di difendere le imprese, poi nei fatti si contraddice, attacca chi cerca di risolvere i problemi, essere vicino agli imprenditori e rilanciare il turismo di Cesenatico".

"Questa variante al Psc (Piano Strutturale Comunale) come detto al primo punto modifica il territorio urbanizzato a mare inserendo gli stabilimenti balneari all’interno del perimetro del territorio urbanizzato così come definito dalla legislazione vigente, in pratica il territorio in cui sono presenti le opere di urbanizzazione  (strade, fogne bianche e nere, luce, acqua, gas ecc. ecc.).
Con queste modifiche si intende togliere inutili burocrazie come: l’autorizzazione paesaggistica, che per legge non è richiesta all’interno del perimetro del territorio urbanizzato".

"Se valesse l’ipotesi del Pd dei 300 metri dalla battigia, paradossalmente tutto l’intorno del viale Carducci sarebbe soggetto ad autorizzazione paesaggistica, cosa che non è in quanto tali aree sono inserite nel territorio urbanizzato.
Per quanto riguarda l’applicazione del DM 1444/68 art 7 “densità edilizia“ si ricorda che la legislazione regionale vigente definisce le zone alberghiere zone D, e per tanto diverse dalle zone A (zone storiche) e zone B (a prevalente destinazione residenziale edificata) e quindi non assoggettabili al vincolo di densità edilizia dei 5 mc / 1 mq".

"Questa variante al Psc intende togliere le destinazioni diverse dalle zone A e B come sopra definite e quindi gli alberghi (zone D) dai limiti di densità edilizia ai sensi della legislazione regionale vigente, liberando le strutture alberghiere da questi limiti e consentendo l’ampliamento dell’edificio collegato alla riqualificazione sismica degli stessi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questo dimostra quanto il modo di amministrare del Pd fosse retrogrado, fuori dai tempi e non tutelasse l’interesse degli imprenditori degli stabilimenti balneari, degli alberghi e di tutte le imprese ricettive con conseguente ricaduta anche su tutte le aziende dell’indotto di Cesenatico. Questo sottolinea come il PD sia in grado solamente di aumentare la giungla burocratica ed ostacolare le imprese nelle loro normali attività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento