menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Pd: "La polemica sull’accoglienza dei migranti non fa bene a nessuno"

E' quanto afferma in una nota il Gruppo Consiliare del Partito Democratico

"La polemica sull’accoglienza dei migranti non fa bene a nessuno e non è nostra intenzione alimentarla: ma non possiamo esimerci dal ribadire la nostra posizione in seguito agli episodi avvenuti in città negli ultimi giorni". E' quanto afferma in una nota il Gruppo Consiliare del Partito Democratico. "Durante il Consiglio comunale aperto dedicato all'accoglienza dei migranti nel territorio cesenate, sono emersi diversi elementi chiave per gestire l'accoglienza in modo sereno, con rispetto di tutti e soprattutto con rispetto dell'Uomo: conoscere e capire le realtà, condividere con pazienza e perseveranza e cercare insieme la soluzione ai problemi", evidenziano i democratici.

"In quell’occasione è stata approvata una mozione del Gruppo Pd e del Gruppo Articolo 1 MDP, dove erano riassunte le indicazioni per continuare a garantire l'accoglienza dei migranti secondo il modello che, in questi anni, ha dato buoni risultati a Cesena: accoglienza diffusa in piccoli gruppi, al massimo 25 persone, in strutture accreditate e convenzionate con il Comune e la Prefettura; coinvolgimento dei profughi in attività socialmente utili; collaborazione con la Prefettura per superare la frammentazione della gestione attuale - proseguono dal Pd -. Era noto che nel territorio comunale ci fossero alcune strutture non convenzionate gestite da un’unica Associazione, facenti capo direttamente alla Prefettura, per le quali i Sindaci dell’Unione avevano già espresso perplessità in più occasioni, anche all’allora Ministro degli Interni, Alfano. Già nell’autunno i Sindaci dell’Unione Valle Savio avevano scritto alla Prefettura, che è Autorità competente in materia, affinché intervenisse nei confronti della Croce d’Oro per una migliore gestione; ed erano anche usciti articoli sulla stampa. Come gruppo Pd eravamo perciò a conoscenza delle segnalazioni fatte alla Prefettura, come chiunque altro poteva esserlo, e con rabbia ci eravamo resi conto, anche di recente, che le problematiche continuavano, nonostante i ripetuti richiami".

"Rabbia la proviamo anche quando assistiamo a realtà politiche, di opposizione, che si ergono a difensori dell’accoglienza solo ora, solo dopo le relazioni inviate alla Prefettura, solo dopo che le ispezioni di Deputati del Partito Democratico hanno risollevato interesse, per fortuna, nell’opinione pubblica, solo ora che la Croce d’Oro si è rifiutata di partecipare alla Commissione 4 in seduta aperta, che è poi degenerata in uno scontro a nostro avviso squallido e inutile, perché cercare consensi sulla pelle dei migranti riteniamo sia ignobile. Assistere al perdurare di esempi di cattiva accoglienza a Macerone e San Carlo ci porta a ribadire i valori positivi emersi nel Consiglio Comunale aperto e l'importanza dei principi della mozione approvata, affinché non ci siano abusi ma ci sia vera accoglienza, da parte di tutti; per questo apprezziamo la nuova convenzione tra Unione Valle Savio e Prefettura. Vogliamo ribadire i valori della dignità e dell’accoglienza presenti nella Costituzione Italiana, l’importanza della centralità della persona umana, indipendentemente da colore, sesso, lingua, religione, opinione politica, origine nazionale o sociale, ricchezza, o altra condizione. Per questo ribadiamo con forza la contrarietà del Partito Democratico a qualsiasi forma di razzismo, xenofobia e sfruttamento della persona umana".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento