menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Pd: “Dall’Ue più fondi per gli interventi in difesa dell’ortofrutta italiana”

“Nella giornata di oggi è arrivata una risposta importante, proprio in questo senso, dalla Commissione europea, la quale ha accolto la richiesta del Governo e di diverse Regioni, tra cui l’Emilia-Romagna"

“Nei giorni scorsi ho presentato un’interrogazione alla Giunta comunale per sapere qual è la situazione a livello locale circa i danni causati dalla cimice asiatica – afferma il Capogruppo PD Lorenzo Plumari –. In particolare, l’interrogazione è volta a sapere se si intendono promuovere misure e azioni di contrasto e protezione, di informazione capillare e sostegno alla ricerca, finalizzate appunto al contrasto alla cimice asiatica. Il tutto ovviamente attraverso una fondamentale collaborazione con Governo e Unione Europea”.

“Nella giornata di oggi è arrivata una risposta importante, proprio in questo senso, dalla Commissione europea, la quale ha accolto la richiesta del Governo e di diverse Regioni, tra cui l’Emilia-Romagna, con la quale si chiedeva un maggiore sostegno economico per la prevenzione e il risarcimento dei danni ai produttori ortofrutticoli. Non dimentichiamoci infatti che i danni causati da questo insetto, secondo le stime del 2019, supererebbero i 700 milioni di euro per l’intero settore dell’ortofrutta italiana”.

Nello specifico: il sostegno dell'Unione Europea per i fondi mutualistici coprirà anche il capitale inziale di costituzione e non solo le spese amministrative e di ripianamento del fondo; il sostegno comunitario al fondo di esercizio aumentato sino al 5% del valore della produzione commercializzata; sale al 60% l'aiuto per gli interventi di prevenzione dei danni da cimice asiatica inseriti nei programmi delle organizzazioni dei produttori.

Gli interventi sono destinati alle Regioni che, nel 2019, sono state più colpite dalla cimice asiatica, dunque Emilia-Romagna, Veneto, Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Province autonome Trento e Bolzano “Dopo il recente via libera dalla Conferenza Stato-Regioni alle misure di prevenzione, controllo e contrasto alla cimice asiatica, questo è un ulteriore risultato importante e atteso anche dai nostri agricoltori cesenati – conclude –, che arriva proprio in questi giorni in cui l’agricoltura locale sta subendo anche ingenti danni a causa delle gelate tardive. Un risultato reso possibile grazie a una collaborazione tra i diversi livelli istituzionali che, in questi casi di emergenza nazionale ed europea, è di fondamentale importanza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento