Il Ministro Fontana a Cesena: "Calo demografico? Non si risolve facendo entrare gli stranieri"

Il ministro della famiglia a Palazzo del Ridotto, per sostenere la campagna elettorale di Andrea Rossi

Sala del Ridotto pienissima per Lorenzo Fontana, ministro della famiglia in forza alla Lega. Nel tavolo insieme a lui, oltre al candidato sindaco Andrea Rossi della lista civica "Cambiamo" sostenuta da Lega e centrodestra, anche Jacopo Morrone, sottosegretario di Stato per la Giustizia.  

I temi toccati sono stati quella della famiglia, dell'identità, della globalizzazione come omologazione, dell'attenzione verso gli ultimi, del reddito di maternità. Ha aperto rivolgendosi al candidato sindaco Andrea Rossi per mostrargli pubblicamente la sua personale simpatia data anche dal fatto che ha il nome di un suo amico d'infanzia.

Da lì è partito parlando di quanto i bambini siano un investimento per lo Stato. "Per mantenere uno stato sociale solido dobbiamo far nascere bambini - ha detto Fontana - A fronte del reale calo demografico molti dicono che l'unica possibilità è far entrare gli immigrati, ma io penso che sia meglio fare figli. Anche perché chi arriva ha una sua cultura, non è immediata l'integrazione. L'altro giorno ho visto festeggiare la fine del ramadam a Birmingham. Erano 1800 musulmani che pregavano. Devo dire la verità - ha scherzato il ministro - io gli inglesi me li ricordavo un po' diversi. Quella di risolvere il calo demografico facendo entrare gli stranieri è una formula sbagliata. Anche perché è sbagliata la concezione dell'uomo attuale. Ora è solo numerica. L'uomo non dev'essere al servizio dell'economia, è l'economia che dev'essere al servizio dell'uomo. E' quando siamo tutti numeri che scattano le dittature. Bisogna sostenere sempre la bellezza della diversità".
Il ministro poi ha parlato anche di libero mercato e dei danni che crea quando non sono protette le piccole imprese ma solo gli interessi delle multinazionali. L'unico rimedio, secondo il ministro, potrebbero essere i dazi che proteggono l'economia di uno Stato che opera con correttezza.

Ha proseguito poi parlando dell'attenzione che bisogna avere sempre - e qui si è rivolto al candidato sindaco - per gli ultimi, per le famiglie con disabili, con anziani, madri che non hanno un sostengo economico solido.
Infine si è rivolto all'avversario dicendo come i tempi siano cambiati. Ora la sinistra non rappresenta più gli ultimi ma prende i voti dall' élite mentre la Lega, mantenendo il contatto con la realtà, prende i voti là dove c'è la gente vera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinse 500mila euro al gratta e vinci, ora apre un'osteria "come quelle di una volta"

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • La notte trasgressiva a tre col transessuale finisce a sassate: nei guai coppia di fidanzati

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

  • La colpisce con lo specchietto mentre cammina sul ciglio della via Emilia: anziana ferita

  • Scirocco e alta marea a Cesenatico, gli stabilimenti spariscono. "Acqua in strada a Valverde"

Torna su
CesenaToday è in caricamento