Il deputato Morrone ospite di Confartigianato: "Fisco leggero tra le priorità"

All’incontro erano presenti Stefano Bernacci, segretario di Confartigianato Federimpresa di Cesena, Giampiero Placuzzi, vice segretario, e Eugenio Battistini, responsabile area economica

Una sostanziale identità di vedute tra il parlamentare Jacopo Morrone, segretario Lega Romagna, e i vertici di Confartigianato Federimpresa di Cesena è emersa durante una riunione, avvenuta lunedì mattina, incentrata, in particolare, sul futuro del sistema romagnolo e sulle esigenze delle piccole e microimprese. All’incontro erano presenti: Stefano Bernacci, segretario di Confartigianato Federimpresa di Cesena, Giampiero Placuzzi, vice segretario, e Eugenio Battistini, responsabile area economica.

“I problemi sul tavolo - evidenzia Morrone - sono gli stessi che abbiamo nella nostra agenda dei lavori: ad esempio, quello del carico fiscale e di una burocrazia asfissiante soprattutto per queste imprese che si trovano a subire gli stessi iter, le medesime incombenze, tempi e costi uguali ad aziende molto più grandi e strutturate. In Romagna queste aziende rappresentano l’ossatura dell’economia locale, una realtà fondamentale che si trova a dover combattere con il ‘moloch’ della pubblica amministrazione. Non c’è dubbio che l’apparato burocratico debba articolarsi maggiormente e diventare anche a misura delle piccole aziende. Fisco leggero, normative semplici e chiare, incentivi per innovarsi, tempi brevi e così via. A parole lo dicono tutti, in realtà anziché semplificarsi, le procedure burocratiche si sono addirittura appesantite e i tempi allungati. Le piccole imprese sono una ricchezza per l’intero paese ma rappresentano soprattutto un traino per il sistema economico romagnolo, che sta affrontando oggi la difficoltà di doversi rapportare con istituzioni, per così dire, allo sbando".

"La legge nazionale di riordino istituzionale del 2014, la cosiddetta Del Rio, e quella regionale, che ne è derivata, hanno provocato più confusione di competenze e di ruoli che altro. Bisogna riprendere in mano la materia e declinarla diversamente, evitando gli errori fatti dal governo e dalle amministrazioni del Pd, in modo da essere utile e funzionale al territorio e, soprattutto, chiara - conclude -. Sapere dunque chi fa che cosa e chi è responsabile per i vari settori. E soprattutto che progetti, iniziative e decisioni rispettino i tempi previsti: tempi utili per le imprese e per i cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento