Il Consiglio approva il bilancio 2018, opposizione critica: "Mancanza di coraggio"

Attacca Gilberto Zoffoli dei Popolari per Cesena: "L’attuale maggioranza, questa Giunta, il sindaco hanno dato ancora prova di mancanza di coraggio e lungimiranza"

Il Consiglio comunale di Cesena ha approvato il bilancio di previsione 2018-2020. Voto contrario dall'opposizione. Attacca Gilberto Zoffoli dei Popolari per Cesena: "L’attuale maggioranza, questa Giunta, il sindaco hanno dato ancora prova di mancanza di coraggio e lungimiranza. Con questo bilancio mostrano di sentirsi appagati, di fermarsi all’autocelebrazione, rinunciando a guardare negli occhi i veri problemi della città e il suo futuro. Stiamo attraversando un periodo di timida ma progressiva ripresa; i dati Istat ci dicono che il reddito medio delle famiglie, che durante gli anni bui tra il 2009 e il 2014 è diminuito del 12%, ora è in aumento del 2%.Peccato che questo dato nasconda una situazione di aumento dello squilibrio sociale tra il 20% più ricco e la parte restante della popolazione, col triste risultato che le famiglie a rischio povertà sono salite dal 28,7 al 30%. E questa polarizzazione/divaricazione tra ricchi e poveri, o a rischio povertà, finisce col colpire soprattutto il ceto medio".

"In questo quadro i problemi prioritari sono il lavoro e la casa - prosegue Zoffoli -. I giovani, chiamati generazione “Y”, i “millennials”, sono tra le attenzioni da porre come rilevante fra le azioni amministrative, non escludendo la costituzione di un “Assessorato ai Giovani”. Riteniamo insufficiente l’azione di questa amministrazione per favorire la nascita e lo sviluppo di imprese, specie aventi i giovani come protagonisti, sola speranza per far decollare la nostra economia e la crescita sociale. Occorrono più investimenti per il commercio (piccolo dettaglio, in centro storico e nelle frazioni) e più attenzione alle piccole imprese. Così come riteniamo fallimentare la politica per la casa perseguita da questa amministrazione. La casa è un diritto; a Cesena ci sono più di 1500 appartamenti sfitti, la richiesta di alloggi a prezzo agevolato è troppo alta rispetto a ciò che può offrire il Comune. Occorre trovare altre strade per far incontrare proprietari, banche, agenzie immobiliari e sbloccare una situazione intollerabile che la nascita del Quartiere Novello pensiamo non risolverà".

Continua Zoffoli: 2Noi chiediamo più partecipazione; va in questo senso la scelta dei progetti da includere in bilancio (per 2.000.000 di euro) tramite votazione in rete? Noi crediamo di no. Non è questo il modo migliore per scegliere le priorità. Una buona amministrazione e una buona Politica devono essere capaci di scegliere per il bene comune. Far decidere in rete significa affidare le decisioni ad una parte degli  abitanti dei Quartieri più popolosi e si squalifica così anche l’importante funzione dei Consigli di Quartiere. Meglio sarebbe stato affidare una uguale somma (minore) ai singoli Quartieri e lasciare a loro la scelta dell’opera da finanziare nel loro territorio. Meno demagogia, e più potere e responsabilità alla “base”". Vanno in questa direzione gli emendamenti presentati dal consigliere Gilberto Zoffoli dei Popolari per Cesena che oltre ad affrontare la questione casa, lavoro, sicurezza ambientale e urbana, lanciano "la prospettiva di una “generatività sociale” che alimenta la finanza con impatto sociale e favorisce l’azione delle imprese sociali". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento