Icarus, Pagni (Idv): "Bisogna rispettare le norme"

Certo, a volte si è portati a vedere coloro che ci fanno osservare e rispettare le regole come ingiusti persecutori. Tuttavia l’Italia dei Valori è convinta che il rispetto delle norme, tutte quante, nessuna esclusa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Certo, a volte si è portati a vedere coloro che ci fanno osservare e rispettare le regole come ingiusti persecutori. Tuttavia l’Italia dei Valori è convinta che il rispetto delle norme, tutte quante, nessuna esclusa, sia patrimonio di civiltà e già il minimizzare sulla gravità di certi comportamenti, come riportato in alcuni interventi di questi giorni, rappresenta un sintomo preoccupante di sfilacciamento del nostro tessuto sociale. Vero è che, talvolta, per gli automobilisti le proposte dell’amministrazione, come il controllo dei varchi Ztl attraverso Icarus, possono sembrare poco comprensibili , ma non dobbiamo neppure trascurare  di comprendere il forte disvalore sociale e il conseguente disagio arrecato da certi particolari comportamenti come soste selvagge, non adeguato rispetto per pedoni e bici, entrate senza autorizzazione in zone a traffico limitato, utilizzo allegro dei pass invalidi… solo per elencarli alcuni.

Alcune voci del centro storico della città esprimono forte preoccupazione per la crisi in atto e per le conseguenze economiche che derivano e deriveranno da essa. Ci tengo a precisare che qualsiasi ipotesi o forma di sviluppo passa anche, se non soprattutto, dal rispetto delle norme che rappresentano anzi il prerequisito di una possibile ripresa  e dell’economia stessa.
E’ evidente  che il civismo di una città non può essere realizzato solo attraverso un sistema sanzionatorio. Ma l’applicazione di Icarus così come formalizzata dall’amministrazione comunale (forte informazione, incontri con i cittadini, rodaggio di circa tre mesi dove non si riceverà una multa ma una semplice ammonizione e solo successivamente il comportamento sarà sanzionato se ripetuta l’inflazione) è conferma che il sistema di videosorveglianza proposto è prima di tutto pensato e progettato a favore della prevenzione, della sicurezza, dell’abbassamento di comportamenti scorretti e  non certo nel “fare cassa”.

Una forma di informazione e prevenzione intesa come elemento imprescindibile e fondamentale della norma e dell’applicazione di Icarus, che viene prima, assai prima della repressione e che anzi, se ben articolata e sviluppata attraverso un’adeguata tempistica e comunicazione  ai cittadini, come nel nostro caso, deve renderla pressoché inutile o quantomeno ininfluente, che tradotto significa multe prossime allo zero, mobilità pedonale in centro sicura e confortevole per tutti. Questo è l’obiettivo al quale si ispira l’amministrazione, questo è il risultato che l’Italia dei Valori di Cesena si augura.
Infatti, questa e solo questa è legalità in funzione e al servizio della città e dei cittadini, non certo la richiesta di disapplicazione delle norme (ricordo che la ztl è già interdetta al traffico) in virtù di favoritismi ed individualismi che non stanno dentro le regole di una comunità ma solo nella convinzione di qualcuno, più o meno consapevole, più o meno interessato al proprio ed esclusivo tornaconto.
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento