menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I repubblicani di Cesena a congresso: porta chiusa a M5S e centro-destra a trazione Lega

Ribadito il forte impegno europeista e antifascista con il rifiuto di derive verso l'estrema destra come sono comparse nelle ultime elezioni

Ai Repubblicani di Cesena non piacciono i populisti, pertanto un no deciso nei confronti della Lega, e del centrodestra qualora a trazione leghista, e del Movimento 5 Stelle. Ribadito il forte impegno europeista e antifascista con il rifiuto di derive verso l'estrema destra come sono comparse nelle ultime elezioni. Questo il sunto del trentaseiesimo congresso della Consociazione del Pri di Cesena e il diciassettesimo dell'Unione Comunale dove, oltre alle tematiche nazionali, sono state discusse le linee programmatiche da seguire in previsione delle elezioni amministrative di maggio del prossimo anno.

Il Partito dell'Edera cesenate, retto da Africo Morellini e Renato Lelli dopo le dimissioni del terzo della triade Angelo Pagliacci, nel corso della legislatura attuale ha ritirato il proprio appoggio alla lista civica di minoranza “Libera Cesena” dopo aver notato un suo spostamento verso destra in seguito alle dimissioni del proprio candidato sindaco Gilberto Zoffoli che è passato ai Popolari per Cesena. La mozione di apertura è stata approvata all'unanimità e venerdì prossimo il direttivo, espresso dal convegno, nominerà i due segretari di Consociazione e dell'Unione Comunale.

La mozione di apertura, è stata presentata dal segretario uscente di consociazione Mario Guidazzi, ed esprime tutte le perplessità riguardo la gestione, ormai decennale, della città del sindaco Paolo Lucchi espressione del Partito Democratico. Guidazzi ha sottolineato come al prossimo primo cittadino si chieda una discontinuità  considerando critica la gestione Lucchi riguardo istruzione, sanità, viabilità. Di rimando è stato ribadito il forte impegno dell'Edera sul fronte europeista, mai messo in crisi come oggi dai movimenti populisti che vorrebbero far tornare indietro l'Italia di vent'anni, hanno spiegato i vertici del Pri. Il congresso ha realizzato momenti interessanti di dibattito in linea su quanto prospettato dalla segreteria uscente, con qualche disappunto come quello espresso da Paolo Morelli quando ha sottolineato che, secondo lui, i giochi sono stati fatti e si sta operando per entrare in una lista civica, insieme al Partito Democratico e varie altre piccole formazioni locali, per candidare sindaco l'ex deputato Dem Enzo Lattuca.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Muri portanti: cosa c'è da sapere prima di modificarli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento