“I Popolari per Cesena ci saranno alle elezioni", partono 10 forum tematici per il programma

“I Popolari per Cesena alle prossime amministrative del 2019 nel Comune di Cesena, ci saranno”: è quanto ribadisce in una nota

“I Popolari per Cesena alle prossime amministrative del 2019 nel Comune di Cesena, ci saranno”: è quanto ribadisce in una nota la formazione politica nata dopo l’uscita dell’ex candidato sindaco del centro-destra Gilberto Zoffoli dal gruppo di Libera Cesena. Ricorda il comunicato: “Popolari per Cesena, che si sono costituiti nel dicembre scorso” hanno atteso “un periodo in cui nel livello locale, per evitare coinvolgimenti e fraintendimenti, hanno lasciato spazio alle “travolgenti” vicende elettorali delle politiche del 4 marzo scorso”, ma ora “ vogliono affermare che ci sono e che è tempo di presentarsi per dare espressione a quel movimento civico-politico di cui il gruppo dei Popolari per Cesena è espressione”.

Ed ancora: “È quindi tempo di muoversi, di uscire dagli equivoci e dalle affermazioni di posizionamento. È il tempo delle idee, dei contenuti e dei programmi. Per questo i Popolari per Cesena hanno messo in campo e formulato una proposta che, promuovendo incontri per piccoli gruppi, animati da specifici relatori, su particolari temi, vuole intrecciare relazioni, stringere rapporti, essere laboratorio di lavoro nei quali gettare le basi per l’individuazione dei punti, degli argomenti sui quali costruire un programma e una proposta elettorale per la Cesena del futuro”.

Prende corpo quindi il progetto “10 Forum per 10 Idee su Cesena”. In particolare i Forum evidenzieranno i seguenti temi: l’economia nel sociale, la finanza sociale, le imprese sociali, un nuovo modo di coinvolgere il sociale nella dimensione pubblica; l'organizzazione del Comune nell’ottica di una maggiore trasparenza e partecipazione; la circolarità del Welfare, un argomento legato ai principi di sussidiarietà e di solidarietà che vanno coniugati; la centralità dei servizi, in particolare i servizi socio educativi e socio abitativi, per porre al centro la persona con i suoi ambiti di vita (famiglia, dell'educazione, dei giovani, del rapporto scuola lavoro, della casa per le giovani coppie); sanità e salute per il benessere; territorio sicuro per affrontare il tema della sicurezza urbana (furti, degrado e altro) ma anche della sicurezza ambientale (rischio idrogeologico, sismico, inquinamento, ecc.); pianificazione urbanistica; turismo; università, la forma delle Istituzioni  (Quartieri, Comuni, Unione dei Comuni, Provinci, fusione dei comuni.

Conclude la nota: “Cesena ha bisogno di cambiamento,  di novità, di discontinuità. Cambiamento e novità non certo nella logica semplicistica del “tanto per cambiare”, fine a se stesso, che sarebbe fonte di incertezza e di illusioni, all’insegna di un ipotetico “salvatore della Patria” o di uomini soli al comando. I Popolari per Cesena non cercano cartelli elettorali, che finiscano il giorno dopo le elezioni, o accordi stabiliti dall’alto, raggruppamenti che si formano su personalismi, tutte modalità che non potranno mai garantire e promuovere vere azioni innovative di governo per la città. Occorre avere il coraggio di elaborare un progetto politico che sappia raccogliere, coinvolgere, governare stando insieme. È finito il tempo dei sindaci e delle giunte solitarie senza un radicamento politico di rappresentanza fatto di dialogo e di confronto costante e continuo”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento