menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovani "eremiti sociali", M5S: "Regione intervenga per arginare il fenomeno"

I consiglieri regionali Sensoli e Bertani chiedono alla Regione un Protocollo d'intesa per arginare il fenomeno degli "Hikikomori"

Un protocollo d’intesa che coinvolga Regione, Ufficio scolastico regionale e Ordine degli psicologi per cercare di mettere un freno al preoccupante fenomeno che colpisce soprattutto gli adolescenti che si isolano nella loro stanza rinunciando a relazionarsi con il mondo esterno. 

È quanto chiedono in una interrogazione indirizzata alla giunta regionale Raffaella Sensoli e Andrea Bertani, consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, dopo la diffusione dei dati della ricerca “Adolescenti eremiti sociali” realizzata dall’Ufficio scolastico regionale che ha rilevato 346 casi segnalati nelle scuole della nostra Regione e che ha indagato il fenomeno degli “Hikikomori” ovvero il termine giapponese che significa “stare in disparte”. 

“A Rimini i casi segnalati sono 32 e riguardano 16 maschi e 16 femmine che frequentano in grande maggioranza prime classe delle scuole superiori, a testimonianza del fatto che questo fenomeno colpisce soprattutto i ragazzi impegnati nel delicato passaggio dall’infanzia all’adolescenza – spiegano Sensoli e Bertani – Stesso trend a Ravenna dove le segnalazioni sono state 24 mentre a Forlì ce ne sono state 27 con un equilibrio tra scuola media e superiori. Le ragioni che spingono i ragazzi verso il ritiro sociale sono diverse, ma ruotano sempre intorno al timore di fallire, di essere giudicati e derisi, o dal rifiuto di pressioni sociali ritenute eccessive e contrarie ai propri desideri o aspirazioni”.

Nella loro interrogazione i due consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle chiedono alla Giunta se non ritenga opportuno promuovere sull’intero territorio regionale la cultura e la definizione di strategie d’intervento su questo fenomeno allo scopo di promuovere sia una sua maggiore conoscenza sia una presa in carico più completa e proficua da parte di tutti i soggetti coinvolti, attivando e consolidando, laddove possibile, tutte le opportune forme di collaborazione e integrazione tra le diverse istituzioni e servizi. “Anche per questo crediamo sia necessario realizzare e un protocollo d’intesa tra la Regione, l’Ufficio Scolastico regionale, l’Ordine degli psicologi e le Associazioni che sul territorio nazionale e regionale si occupano di questi casi per la definizione di strategie d’intervento sull’emergente fenomeno del ritiro sociale volontario” concludono Sensoli e Bertani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento