menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Uno stage di 3-6 mesi per ogni giovane disoccupato: la proposta del M5S

"Un posto di lavoro per ogni giovane" : questa la proposta del Movimento 5 stelle di Cesena che rinuncia a una parte dei gettoni di presenza per "adottare" 4 giovani e offrir loro un'opportunità di lavoro

“Un posto di lavoro per ogni giovane” : questa la proposta del Movimento 5 stelle di Cesena che rinuncia a una parte dei gettoni di presenza per “adottare” 4 giovani e offrir loro un’opportunità di lavoro. Nel primo Consiglio Comunale delle Minoranze, che si svolgerà giovedì alle 15, i 5 Stelle propongono alla maggioranza PD e alle altre minoranze di offrire a tutti i giovani un’opportunità di lavoro di 3 o 6 mesi presso un’azienda locale.

Spiega una nota del movimento grillino: “Abbiamo presentato una delibera che finanzia l’inserimento dei giovani disoccupati al lavoro, per un periodo di 3-6 mesi. Nei primi mesi il costo è a carico del Comune, mentre negli ultimi mesi è a carico dell’azienda ospitante, che decide di rinnovare il contratto dopo i primi 3 mesi. Il giovane disoccupato riceve un compenso/rimborso di 450 euro al mese per tutto il periodo, e ha l’opportunità di vivere una prima importante esperienza lavorativa. La proposta prevede il coinvolgimento del Centro per l’Impiego e delle associazioni di categoria delle imprese e dei professionisti, secondo quanto indicato dai consiglieri del PD e di Libera Cesena durante la discussione nelle Commissioni Comunali. Si tratta infatti di una proposta volutamente aperta a ogni possibile miglioramento e integrazione”.

“Possiamo far partire il progetto fin dai prossimi mesi. Il costo da sostenere da parte del Comune per ogni giovane è compreso tra 1.250 e 1.500 euro . Per i primi 300 giovani la spesa massima prevista a carico del Comune di Cesena è di 450.000 euro , ed è già disponibile: infatti non è ancora stato deciso come utilizzare l’avanzo di bilancio del 2014, pari a 2 milioni e 700 mila euro. Se la maggioranza PD approverà questa delibera, il progetto potrà essere realizzato già a partire dalla fine dell’estate inizio autunno 2015”.

“Per aumentare il numero di giovani che potranno ottenere una prima opportunità di lavoro, ogni consigliere comunale del M5S verserà 1.500 euro all’anno in un apposito fondo, e già in questo modo “adotteremo” 4 giovani disoccupati. Questo fondo sarà gestito dal Comune e sarà aperto al contributo e al controllo di tutti i cittadini, e delle stesse imprese, professionisti, associazioni di categoria e sindacati, fondazioni ed enti pubblici e privati, partiti politici e associazioni”.


La seconda proposta è il fondo per il micro credito alle piccole imprese: “L’esempio virtuoso dei Parlamentari del Movimento 5 Stelle. Nell’assumere questa iniziativa abbiamo seguito l’esempio virtuoso e unico dei portavoce-parlamentari del M5S, che anche in questo caso hanno rispettato l’impegno assunto con gli elettori. Infatti a livello nazionale, per dare impulso al lavoro tramite un aiuto concreto, il M5S ha “inventato” e realizzato il Fondo per il Microcredito destinato alle Piccole e Medie Imprese, con caratteristiche di trasparenza e imprenditorialità positiva, costituito con le rinunce a una quota dello stipendio dei parlamentari (fino al 50%), che hanno cercato di condividere la proposta con tutti gli altri partiti, senza però riuscirci, e rimanendo soli. In meno di 2 anni dalla loro elezione, Deputati e Senatori M5S hanno già versato al Fondo per il Microcredito oltre 10 milioni di euro, che aggiunti ai versamenti dei prossimi 3 anni, consentiranno di finanziare migliaia di imprese. Il Fondo per il Microcredito eroga somme fino a 25mila euro - in alcuni casi è possibile arrivare a 35mila euro - per aziende esistenti o idee imprenditoriali legate all’agricoltura, all’artigianato, al commercio, ai servizi e a tutte le start up innovative. Le domande sono già migliaia e ne continuano a giungere di nuove. In questi giorni è già stata superata la metà delle risorse disponibili a testimonianza dell’utilità e credibilità di questo tipo di iniziative, in favore delle piccole imprese sane e dei cittadini onesti”, conclude la nota.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Casa

Come eliminare l'odore del fumo in casa? Ecco tutti i segreti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento