Gioco d'azzardo, "Popolari per Cesena" tuona contro "Libera Cesena"

"Popolari per Cesena" interviene sul tema "scottante" della ludopatia, che " riguarda molte famiglie, giovani e anziani, soprattutto la parte più debole della società"

Contro il gioco d'azzardo "occorrono i fatti. E la mappatura, voluta dalla Regione, è un passo nella giusta direzione". Così "Popolari per Cesena" interviene sul tema "scottante" della ludopatia, che " riguarda molte famiglie, giovani e anziani, soprattutto la parte più debole della società". "In Italia - ricorda il coordinatore Gilberto Zoffoli - il fatturato del gioco d’azzardo legale nel 2016 è stato di 95,9 miliardi di euro, una cifra abnorme, pari al 4,7% del Prodotto interno lordo, più di quanto lo Stato spende per l’istruzione (poco più del 4%). In Emilia Romagna nel 2016 sono stati “bruciati” 7 miliardi di euro nel gioco d’azzardo. I centri di ascolto delle Caritas parrocchiali sono pieni di casi di persone e di famiglie distrutte, indebitate, senza più dignità. A fronte di questa situazione di emergenza tutti sono “contro” il gioco d’azzardo, ma solo a parole".

"Noi "Popolari per Cesena" - prosegue Zoffoli - pensiamo che il bene comune non sia fare gli interessi di tutti, degli sfruttati e degli sfruttatori. Ci sono situazioni (come il gioco d’azzardo, la droga, le armi) in cui occorre dare un giudizio preciso e netto su “cosa” consista il bene per il popolo, per la gente, per i giovani, per le famiglie. E il giudizio che diamo è che il gioco d’azzardo non faccia il bene della gente e che si debba porre in atto tutte le misure per contrastarlo. Se ci sono imprese che guadagnano sul gioco d’azzardo, occorre instaurare un dialogo per trovare misure ed incentivi atti a riconvertirle ad attività più consone al bene collettivo. Il capitalismo deve essere a servizio dell’uomo, del popolo e non renderlo schiavo". Zoffoli dei Popolari per Cesena in occasione dello scorso consiglio comunale ha votato a favore della delibera relativa alla proposta di mappatura dei luoghi sensibili relativamente alla legge regionale “Norma per il contrasto, la prevenzione, la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate”. Una decisione in contrasto con la scelta dei consiglieri Casali, Formica e Spinelli di Libera Cesena, che si sono astenuti, tuona Zoffoli, "con motivazioni che tradiscono un modo vecchio di fare politica (che è quello di dire una cosa e farne un’altra, tenendo una posizione ambigua)". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento