Gambettola, il candidato sindaco Roberto Sanulli incontra gli elettori

Ha scelto il teatrino comunale il candidato Roberto Sanulli per la sua prima uscita pubblica, per il suo primo incontro con la cittadinanza in vista delle primarie di domenica 2 marzo

Ha scelto il teatrino comunale il candidato Roberto Sanulli per la sua prima uscita pubblica, per il suo primo incontro con la cittadinanza in vista delle primarie di domenica 2 marzo. Una scelta non casuale quella della location: “Questa sera siamo in uno di quei luoghi che a mio avviso fanno di Gambettola una città delle opportunità – ha spiegato di fronte a una platea piena – uno di quegli spazi pubblici che vorrei venissero dispiegati nel pieno delle loro potenzialità, per essere occasione di socializzazione, di stimolo per i giovani e di rilancio delle manifestazioni culturali e degli eventi chiave di Gambettola”.

Gambettola com’era e come sarà era il titolo della serata: racconti e musiche affidati al poeta Mercadini, al musicista Pepe Medri e all’artista Sergio Diotti per riscoprire la storia della città (la Gambettola che era) e confronto e dibattito con il candidato per condividere le idee sulla Gambettola che sarà. Roberto Sanulli ha così parlato della Gambettola per la quale intende impegnarsi, mettendo a disposizione la propria esperienza e le proprie competenze sia professionali che di amministratore: “Penso a una città amica cioè vicina ai cittadini, più sicura oltre che accogliente, che garantisca il rispetto della legalità; a una città solidale che continui a garantire la qualità dei servizi offerti ai cittadini, che valorizzi la preziosa realtà dell’associazionismo e del volontariato; a una città produttiva e del lavoro che punti, sì su innovazione e ambiente come fattori di sviluppo, ma allo stesso tempo crei le condizioni più favorevoli alle oltre mille imprese presenti sul nostro territorio (mantenendo tra l’altro quella che è la più bassa tassazione a livello locale); a una città che faccia rete con le altre città che rafforzi cioè la cooperazione già in atto con gli altri comuni del territorio per garantire a livello distrettuale un miglioramento dei servizi per i cittadini e che possa dare una voce univoca al territorio della futura Unione Rubicone e mare”.

Sulle ragioni della sua discesa in campo ha detto: “Senza dubbio è stata determinante l’esperienza maturata in questi cinque anni da amministratore, da assessore ai lavori pubblici, un’ esperienza che reputo impegnativa ma allo stesso tempo entusiasmante, così come è determinante il fatto che sono giunto in una fase lavorativa in cui posso dedicare tutte le mie energie e il mio tempo alla mia città. Non da ultimo le sollecitazioni giunte da un gruppo di amici, una vera e propria squadra su cui posso contare fin da ora e che so mi accompagnerà in questo percorso anche in futuro”.
Incalzato da una domanda da parte del pubblico sul significato dello slogan della campagna “Insieme, per fare”, Sanulli ha concluso la serata rispondendo che “insieme perché è insieme a voi cittadini che vorrei amministrare Gambettola; per fare, perché dopo il momento del confronto e della discussione sarà il momento di lavorare per la città che vogliamo realizzare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento