menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Foro Annonario, Casali (Forza Italia): "Le scelte politiche agevolino il decollo"

"Noi riteniamo che il foro vada rilanciato in primo luogo dalla società che lo gestisce e che la politica adotti una serie di scelte che ne agevolino il decollo", afferma Casali

"Le questioni del Foro Annonario non competono la politica visto che la ristrutturazione e la gestione del complesso è svolta da privati, ma esiste un dovere morale degli amministratori nel cercare di trovare una soluzione ad una scelta di indirizzo sbagliata per la quale, fra l'altro,  si attende ancora un mea culpa da parte del Pd che stenta ad arrivare e che forse mai arriverà". E' quanto afferma il consigliere comunale di Forza Italia, Marco Casali, secondo il quale è possibile collegare il tema del rilancio del Foro Annonario con la nuova e probabile allocazione della caserma dei Carabinieri al centro commerciale Montefiore.

"Ma il problema del Foro - osserva Casali - forse interessa più chi ha a cuore la nostra città piuttosto che chi ha invece la necessità di dover autoincensarsi giornalmente alla ricerca di un consenso precostituito e indotto che lo porta a dire che tutto va bene, che Via Cesare Battisti è il boulevard di Cesena, che Piazza della Libertà ci farà sentire come Amburgo e che il Foro sarà il nuovo magnete del centro storico. Per contro sappiamo come i Carabinieri abbiano la necessità di una nuova allocazione e come questa Giunta abbia pensato di risolvere il problema. Il Conad si è reso disponibile a costruire l'occorrente avendo però in cambio la possibilità di un ampliamento del centro commerciale di circa 5000 mq. oltre ad una serie di altre concessione a corollario. In pratica si permette al Conad di aumentare l'area di vendita per una superficie pari al doppio di quella del foro tenendo in considerazione però che quest'ultimo si trova oggi a dover operare senza parcheggi e con un luogo strutturalmente e funzionalmente forse non ideale. Morale: se da una parte c'è qualcuno che cerca di rilanciare il foro, dall'altra c'è qualcun altro che sviluppa un polo commerciale antagonista e dotato di ben più alta competitività. Un po' come la tela di Penelope".

"A questo punto però è necessario che la politica dica da quale parte vuole stare - afferma Casali -. Noi riteniamo che il foro vada rilanciato in primo luogo dalla società che lo gestisce e che la politica adotti una serie di scelte che ne agevolino il decollo. Quali? Beh, in primis non certo quello di far aumentare la superficie di vendita del Montefiore, questo pare ovvio e poi con una serie di strutture a servizio del foro quali ad esempio un parcheggio sotterraneo in Viale Mazzoni che servirebbe al centro, defraudato dalla soppressione di quello di Piazza della Libertà, ai residenti, sempre più in difficoltà e al foro, essendo a poche decine di metri dal suo ingresso. I due argomenti come si vede sono intimamente collegati. Mi pare che sia tutto chiaro: il magnete che Lucchi sperticava lo si vuole mettere al Montefiore o in centro?"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento