rotate-mobile
Politica

Femminicidi, il Pd: "Dati allarmanti, non aiuta cancellare diritti della donna consolidati da decenni"

"È necessario un cambiamento culturale, ma da solo non è sufficiente, soprattutto quando vediamo che invece di progredire nella lotta alla parità di genere vengono cancellati diritti della donna, basta vedere la sentenza della corte" Usa sull’aborto"

Le notizie che ci arrivano da Rimini parlano di un’altra tragedia familiare, l’ennesima, impossibile da ignorare. Nella mente è indelebile la cronaca di solo una decina di giorni fa del plurimo femminicidio del modenese. Un altro. Ancora. I dati sono allarmanti: 32 femminicidi nel primo semestre ancora non concluso del 2022, contro i 62 femminicidi in Italia nel 2021. Una vera e propria mattanza. Davanti all’omicidio dell’ennesima donna, l’unica certezza è che non siamo ancora riusciti a fare abbastanza, come comunità, come forze dell’ordine e come autorità tutte, indipendente dal territorio geografico. La rete dei centri antiviolenza e i centri donna hanno visto, in sinergia con le istituzioni Emiliano Romagnole e le ausl territoriali il rinnovo di protocolli e nuovi progetti finanziati ma le maglie di questa rete devono essere ancora piu pressanti. Tutti noi, nessuno escluso, dobbiamo e possiamo fare di più. 

Poche sono ancora le informazioni rese note circa le motivazioni e la gravità della situazione familiare, ma queste sarebbero solo l’ennesima aggravante comminabili al fatto. Emergono come macigni tutte le lacune del nostro sistema giuridico, che non è in grado di tutelare tempestivamente ed efficacemente le donne che riescono a richiedere aiuto: le misure arrivano quando ormai è troppo tardi e spesso queste rendono ancora più pericolosa l’esistenza della vittima. È necessario un cambiamento culturale, ma da solo non è sufficiente, soprattutto quando vediamo che invece di progredire nella lotta alla parità di genere vengono cancellati diritti della donna ritenuti consolidati da decenni, basta vedere la sentenza della corte Usa sull’aborto, e c’è chi, invece di condannare questa posizione, la difende pure.  La stessa disparità salariale è un’arma affilata in grado di creare ferite, talvolta invisibili, nell’animo femminile. Femminicidi, molestie e discriminazioni sono una sconfitta per tutti e la politica deve essere in grado di portare e promuovere il cambiamento, partendo sicuramente dalle scuole ed estirpando una volta per tutte la visione patriarcale ancora troppo radicata nel nostro quotidiano.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Femminicidi, il Pd: "Dati allarmanti, non aiuta cancellare diritti della donna consolidati da decenni"

CesenaToday è in caricamento