rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Politica

Fabbri e Scarpellini (Insieme al mare): “Il Comune continua ad ignorare i consigli di quartiere”

La nota è di Marco Fabbri e Alberto Scarpellini della lista “Insieme al mare” che, numeri alla mano, esprimono tutti i loro dubbi sulla possibilità del Consiglio di Quartiere di venire considerato “un valido interlocutore dall’Amministrazione”

“Tra trasporti scolastici, viabilità e scarsi collegamenti tra le frazioni, al quartiere ‘Al Mare’ non mancano di certo problemi e criticità. Tante questioni aperte che interessano direttamente la vita quotidiana dei residenti. Ed è proprio misurandosi su questi problemi che emerge quale ruolo abbia il Quartiere per l’Amministrazione Comunale: cassa di risonanza per iniziative e progetti imposti dall’alto, ma che poco o niente hanno a che fare con le necessità di chi vive nel territorio. Stando così le cose ha poca importanza che negli ultimi tre mesi ci sia stata un’unica convocazione del Consiglio di Quartiere (l’ultima il 14 giugno). Da quella data, infatti, il Consiglio del Quartiere ‘Al Mare’ è andato in vacanza e non è più tornato”. 

La nota è di Marco Fabbri e Alberto Scarpellini della lista “Insieme al mare” che, numeri alla mano, esprimono tutti i loro dubbi sulla possibilità del Consiglio di Quartiere di venire considerato “un valido interlocutore dall’Amministrazione” quando fa presente i problemi che i cittadini sollevano. E allora “se i Quartieri non hanno peso e rilevanza” poco importa se “in altri quartieri, nello stesso arco temporale - riferiscono i due consiglieri - ci siano state anche quattro riunioni. Da noi, invece, l’ultima è datata ormai quattro mesi fa e all’orizzonte non ci risulta la convocazione di una nuova seduta”.

“Eppure - ribadiscono - sul tavolo restano ancora aperte tantissime questioni. Pensiamo ai problemi dei trasporti scolastici con la nota vicenda che riguarda Calisese e Macerone, ma anche agli inesistenti collegamenti pubblici tra le frazioni di Bulgarnò e Capannaguzzo ed il centro di Cesena, senza parlare della sicurezza stradale con le promesse su via Cesenatico e la rotonda di Ruffio. Tematiche sulle quali la comunità attende risposte e di cui il Consiglio di Quartiere dovrebbe farsi interprete. Da giugno, invece, solo il silenzio. Tanto che, ai cittadini che ci chiedono lumi su determinate questioni, oggi non sappiamo più che dire se non esprimere il nostro imbarazzo e liquidarli con un ‘vi faremo sapere”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabbri e Scarpellini (Insieme al mare): “Il Comune continua ad ignorare i consigli di quartiere”

CesenaToday è in caricamento