"Esclusi dalla maggior parte delle misure", una risoluzione per i lavoratori dello spettacolo

Lia Montalti (Pd) "Necessarie correzioni per artisti, tecnici e operatori nel prossimo Decreto governativo”

“Allestiscono palchi e spettacoli, si esibiscono per il pubblico, riprendono, raccontano, organizzano tour ed eventi musicali o teatrali, show dal vivo e se erano precari prima dell’emergenza, dopo il lockdown denunciano di essere doppiamente colpiti. I lavoratori dello spettacolo, infatti, come quasi ogni categoria sono in sofferenza, ma molti di loro scontano l’aggravante di avere contratti di lavoro intermittenti, data la peculiare natura delle loro professioni” afferma convinta la Consigliera regionale Lia Montalti, firmataria di una risoluzione depositata in Regione a sostegno di questa categoria.

I lavoratori dello spettacolo hanno sempre versato i contributi per il Fondo di Integrazione Salariale (FIS), ma si trovano oggi esclusi dalla maggior parte delle misure di sostegno previste dal decreto “Cura Italia”. Solo alcuni di loro infatti hanno accesso al contributo di 600€ erogato da Inps, ovvero coloro che non erano scritturati e quindi non avevano un contratto in essere alla data del 17 marzo. I dipendenti assunti al 23 febbraio poi non possono essere licenziati, quindi non hanno nemmeno diritto alla NASPI. Dei lavoratori intermittenti dello spettacolo, inoltre, di coloro che sono stati posti in quarantena o hanno contratto il Covid, solo chi aveva registrato 100 giorni di lavoro dal 1 gennaio 2019 ha potuto vedere riconosciuta l’indennità di malattia. Un numero davvero esiguo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Vista la situazione difficile per tutto il mondo dello spettacolo, e quindi anche per questi lavoratori, è necessario allargare anche a loro le misure di sostegno previste dal Cura Italia – evidenzia Montalti -. L’Emilia-Romagna è una delle regioni d’Italia che vanta il maggior numero di teatri e luoghi adibiti al pubblico spettacolo. Chi opera in questo settore va tutelato. Parliamo di artisti, tecnici e operatori con molteplici professionalità e che svolgono il loro lavoro sempre con passione e dedizione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Coronavirus, due nuovi positivi sul territorio cesenate. Un decesso in Romagna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento