Elezioni regionali, il Centro Democratico chiude la campagna elettorale

Chiusa questo pomeriggio la campagna elettorale sul forlivese di Maria Grazia Bartolomei, capolista alle elezioni di domenica 23 novembre per Centro Democratico. Al Caffè dei Corsi la candidata ha conversato con simpatizzanti e cittadini

Chiusa questo pomeriggio la campagna elettorale sul forlivese di Maria Grazia Bartolomei, capolista alle elezioni di domenica 23 novembre per Centro Democratico. Al Caffè dei Corsi la candidata ha conversato con simpatizzanti e cittadini, ribadendo i punti fondamentali del suo programma elettorale.

Maria Grazia Bartolomei ha parlato innanzitutto di economia e sostegno alle piccole e medie imprese del territorio forlivese e cesenate che sono sottoposte ad un regime fiscale stringente e ad una burocrazia che di certo non le aiuta a svolgere al meglio il loro lavoro.

“Non possiamo promettere di abbassare le tasse, sarebbe solo una propaganda elettorale e ingannevole. Quello che possiamo dire per certo è che la pressione fiscale debba essere contenuta e che non permetteremo ulteriori aggravi ai danni degli imprenditori. Serve poi porre l’attenzione anche sul tema della formazione. Le aziende spesso non sono in condizione di permettere ai dipendenti di frequentare corsi di aggiornamento e di specializzazione, sempre per colpa della pressione fiscale e della burocrazia e anche questo fattore “ingessa” ancor di più l’occupazione”.

Per superare questi scogli la capolista di Centro Democratico propone di intervenire con grande fermezza, agevolando la formazione delle reti di impresa e dei consorzi (anche temporanei) per consentire alle imprese di competere in Italia e in Europa. Per quanto concerne la formazione Maria Grazia Bartolomei ritiene importante accorciare le distanze tra scuola, università e mondo del lavoro, implementando e valorizzando il fondo di “Garanzia Giovani”.

Un altro concetto è basilare per la candidata: “per far ripartire l’economia del territorio la Regione deve farsi anche garante nell’ambito dei confidi e del sistema bancario perché le imprese possano accedere più facilmente alle risorse necessarie agli investimenti”.

Oltre a valorizzare tutto il comparto agricolo e gli imprenditori che svolgono la duplice funzione di produzione e di presidio del territorio (anche e soprattutto montano), Maria Grazia Bartolomei ha puntato su due importanti fattori che potrebbero essere un ottimo volano per il rilancio dell’economia. Intermodalità, trasporto pubblico e marketing turistico sono elementi chiave che possono creare nuova occupazione e opportunità lavorative importanti, specie per i giovani. “Sviluppiamo i nodi intermodali creando non solo una nuova occasione di occupazione ma facendo del bene anche all’ambiente. In più un servizio di trasporto pubblico che funziona può fare solo bene ai territori ma anche al comparto turistico. Siamo in un territorio meraviglioso che se ben collegato può permetterci di arrivare in pochissimo tempo in città d’arte, sulla costa, al Parco Nazionale. Qui il marketing integrato è la vera sfida e noi dobbiamo saperla cogliere”.

Intermodalità e turismo fanno rima con aeroporto e riguardo al Ridolfi la candidata di Centro Democratico ha spiegato: “L’aeroporto di Forlì deve innanzitutto rientrare nel piano nazionale degli aeroporti. In secondo luogo possiamo dire che le istituzioni ad oggi hanno fatto davvero tutto quello che era in loro potere e anche di più. Ora spetta alla cordata di imprenditori mantenere le promesse fatte”.

Sulla tutela del territorio e sul rischio geologico, tema particolarmente caldo alla luce dei recenti disastri accaduti in tutta Italia, Maria Grazia Bartolomei pone l’accento su due aspetti: l’intervento economico finanziario in caso di emergenza e la prevenzione che si può fare esclusivamente attraverso un’attenta analisi morfologica delle aree locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

Torna su
CesenaToday è in caricamento