Elezioni, Lelli (Pri): "Risposta alla crisi è creare nuovi posti di lavoro, non sussidi"

Il segretario regionale del Pri: "Occorre qualificare la spesa, favorendo gli investimenti rispetto a sprechi e spesa improduttiva"

"Il tema del lavoro è uno di quelli più sentiti dai cittadini, perché tocca direttamente gran parte delle famiglie. Ed ovviamente la risposta principale non può essere legata a garantire sussidi ma creare posti di lavoro". Lo dichiara Renato Lelli, segretario regionale del Pri, partito che appoggia la candidatura a sindaco di Enzo Lattuca.

Secondo Lelli "In questo la pubblica amministrazione deve fare la sua parte. Se in Emilia Romagna il tasso di disoccupazione e la percentuale di dispersione scolastica sono circa la metà della media nazionale, se i dati relativi a crescita, export ed aumento del PIL vedono la nostra Regione davanti alle altre, non è affatto vero che qui non ci siano problemi".

"Il Paese in generale oggi vive una crisi economica gravissima e causa un governo inadeguato non si vede come si possa uscire da questo tunnel. Provvedimenti come il reddito di cittadinanza e quota cento non possono sicuramente risolvere i problemi, è necessario assolutamente accelerare il processo di investimenti che possono ampliare il numero di assunti e nel contempo promuovere l’aumento del Pil. Occorre creare ricchezza per poterla distribuire. Due Decreti utili a sostenere l’ economia sono stati approvati dal consiglio dei Ministri e nonostante sia necessario il richiamo all’urgenza (che in questo caso è reale) per poter seguire la strada del Decreto si sono persi per strada non essendo stati ancora pubblicati in Gazzetta ufficiale, come il Decreto sblocca cantieri e quello per la crescita con incentivi per investimenti ed imprese".

"Bene fa la Regione prosegue Lelli -  a promuovere un patto strategico per rendere il territorio più attrattivo e capace di generare sviluppo e di tirare a sè nuove attività. Sul piano locale lo stesso propone giustamente Lattuca. Sbaglia Bonaccini invece quando, pur non essendo questo il suo obiettivo, di fatto favorisce il processo di smembramento del Paese e dell’Europa, allineandosi alla richiesta avanzata da Lombardia e Veneto e tesa ad ottenere maggiore autonomia dallo Stato centrale".

Cosa propongoni i Repubblicani? "Partendo da un esame approfondito dei dati reali, che come il resto del paese vedono i settori dell’ edilizia e del commercio in forte crisi, il che si traduce in calo sia di imprese che di occupati, occorre individuare le azioni necessarie, unendo innanzitutto per la prima volta imprenditori e sindacati al fine di rimuovere tutti gli ostacoli che impediscono la ripresa. Occorre ripensare ad un modello di sviluppo superato dai tempi e dalla globalizzazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Occorre qualificare la spesa, favorendo gli investimenti rispetto a sprechi e spesa improduttiva,  offrire ai giovani e non solo opportunità di lavoro, con collegamenti efficaci tra scuola e lavoro, con una formazione professionale legata alle opportunità ed alle richieste reali di mercato, capace di adattarsi con rapidità alle nuove esigenze del mercato. Bisogna garantire un livello di servizi di qualità".
"Occorrono - conclude Lelli - interventi infrastrutturali (intesi sia come collegamenti – strade, ferrovia, il porto di Ravenna, una rete di banda larga efficiente che devono diventare priorità per tutte le città della Romagna, in attesa della creazione della città metropolitana, ed anche incentivi al miglioramento del patrimonio edilizio esistente)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento