Elezioni, Lelli (Pri): "Presenza delle mafie in Romagna? Per noi non è una novità"

Il segretario regionale del Pri: "Tempo fa abbiamo eleborato un documento sulla triste realtà del fenomeno del lavoro nero in agricoltura e del caporalato"

"Per noi repubblicani quanto denunciato da Zignani della UIL sulla presenza delle mafie in Romagna (purtroppo) non è una novità". Lo dichiara Renato Lelli, segretario regionale del Pri.

"A seguito di un incontro con il presidente della Cooperativa ALAC di Cesena, Gabriele Bacchi, e il Presidente Provinciale di COPAGRI Forlì Cesena Mattia Tampieri elaborammo un documento congiunto sui problemi del mondo agricolo inviato alla stampa locale il 9 agosto dello scorso anno. In esso si richiamava 'quanto di recente emerso legato alla triste ed inconcepibile realtà del fenomeno del lavoro nero in agricoltura, alla remunerazione dello stesso, al fenomeno del caporalato che vede anche Cesena come centro del racket della mano d’opera bracciantile".

"Su tutti questi aspetti, stante il quadro sopra descritto, riteniamo l’impegno della amministrazione comunale di Cesena insufficiente”.
"Ovviamente - prosegue Lelli - tali temi sono stati ripresi ed ampliati nel documento politico programmatico con cui il PRI si presenta alle prossime amministrative a Cesena, che sono state anche motivo di accordo con Enzo Lattuca. Tale documento dice che 'l’offerta turistica và potenziata anche con occhio attento al lavoro stagionale che sempre con più frequenza si traduce in sfruttamento di lavoratori giovani con contratti di alternanza scuola lavoro dando compensi pari a rimborsi spese  con dipendenti stagionali extra comunitari soggetti a carichi di lavoro di 12/14 ore al giorno senza riposo settimanale per stipendi / salari miseri sufficienti per campare nei loro paesi che però  creano un abbassamento della qualità dei servizi offerti, proprio quei servizi cardini e tanto invidiati da tutte le mete turistiche che solo la Riviera Romagnola in passato sapeva offrire'.”

"Ovviamente - aggiunge il segretario regionale del Pri - poiché quanto denunciato in primis dai sindacati è un problema che deve essere affrontato con risolutezza a tutti i livelli, non possiamo che condividere in toto la proposta della UIL che ci sia un impegno comune di tutte le forze politiche in campo per debellare – partendo dal nostro territorio - questo fenomeno. Ben venga ogni iniziativa, anche perchè su tematiche come questo non è questione di destra o sinistra, ma di civiltà di un Paese"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento