menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, la lista 'A sinistra' riparte dagli Empori Solidali per sconfiggere la povertà

La rete degli Empori Solidali, 178 in Italia e 22 in Regione, aiuta le persone in difficoltà mettendo al centro la dignità e la responsabilità delle stesse

La lista "A Sinistra", per la quale Claudio Casadei è candidato consigliere alle elezioni del 26 maggio, ha individuato fra i punti qualificanti del suo programma la lotta alle povertà. "Per questo mi sono interessato alla ricerca di soluzioni pratiche e ho conosciuto il mondo degli Empori Solidali", spiega Casadei.

La rete degli Empori Solidali, 178 in Italia e 22 in Regione, aiuta le persone in difficoltà mettendo al centro la dignità e la responsabilità delle stesse. Due sono i principali obiettivi: dare un sostegno reale a chi ne ha bisogno e recuperare eccedenze alimentari che andrebbero buttate. L’emporio è organizzato come un supermercato: la merce è esposta sugli scaffali ed è “prezzata” a punti. Con l’ausilio dei servizi sociali del Comune, alle persone bisognose di aiuto viene assegnato un carnet mensile di punti per famiglia. Spendendo quei punti gli interessati possono liberamente ritirare i generi alimentari più consoni alle loro esigenze. Gli stessi utenti si occupano a turno dell’allestimento del punto vendita e del magazzino, dove sono stoccate le donazioni (376 le aziende emiliano romagnole che contribuiscono con donazioni). 

"Per conoscere meglio questa iniziativa giovedì, assieme al candidato Sindaco Enzo Lattuca, siamo andati a visitare l’emporio solidale di Cervia e a incontrare il suo coordinatore, che ci ha spiegato come sia strutturato il punto vendita e i problemi organizzativi e logistici, ricevendone la disponibilità a collaborare nell’eventuale fase di avvio di una esperienza analoga - prosegue il candidato - Siamo tornati con la ferma convinzione che anche Cesena debba aderire alla rete degli Empori Solidali, ritenendoli una risposta adeguata, assieme alle cucine popolari, ai bisogni della povertà alimentare che anche nella nostra città sta assumendo una rilevanza significativa. C’è bisogno di attenzione verso chi non ce la fa. Cesena ha una corposa storia di volontariato e di solidarietà diffusa che, attraverso le associazioni, vogliamo coinvolgere in questo progetto. Chiediamo a tutti un momento di riflessione, proprio in questi giorni di festa in cui si avverte maggiormente il divario tra chi può permettersi un momento di spensieratezza e chi, invece, fatica ad avere qualcosa da mangiare per sé e la propria famiglia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento