Elezioni, i Popolari per Cesena mettono al centro il lavoro: "Espressione dell'identità della persona"

Tra le proposte "la creazione di un Piano comunale del lavoro per incentivare e favorire l’occupazione, in particolare quella giovanile"

Venerdì  si è tenuto il terzo evento organizzato dai Popolari per Cesena sul tema: “Economia del bene comune: coniugare crescita e giustizia sociale”.

Nella sua introduzione, Francesco Biguzzi, Responsabile Area Persona e Società, ha sottolineato la centralità del lavoro per la crescita e lo sviluppo personale e sociale. “Il lavoro – spiega - non è semplicemente il mezzo di sostentamento e sopravvivenza, ma è espressione dell’identità e dignità dell’essere umano, permettendo alle persone di uscire dalla propria individualità ed aprirsi agli altri, generando reti, rapporti e relazioni che sono alla base di una comunità”.

Johnny Dotti - imprenditore sociale, amministratore delegato di On impresa sociale e presidente di E’-one abitare generativo - nel suo intervento, ha sostenuto la necessità di un “nuovo paradigma economico”. “Come nei momenti di crisi del passto i cattolici hanno “fatto politica” generando scuole, ospedali, banche di credito cooperativo – prosegue - oggi occorre generare nuove esperienze istituenti, nuove forme di economia in cui i momenti della generazione e della distribuzione del valore avvengano simultaneamente. Bisogna pensare a nuove forme dell’abitare – continua Dotti - superando la tendenza all’isolamento e all’individualismo, mettendo in relazione anziani, giovani, bambini”.

“Fare cooperazione – ha evidenziato Mauro Neri, Presidente Confcooperative Forlì-Cesena – significa mettere le persone e i loro bisogni al centro del progetto di sviluppo e raggiungere insieme gli obiettivi”.

Tra le proposte dei Popolari nel Patto per Cesena, la creazione di un “Piano comunale del lavoro” per incentivare e favorire l’occupazione, in particolare quella giovanile, istituzionalizzando il dialogo tra pubblico, privato, società civile e coinvolgendo le agenzie educative (famiglie, istituti superiori e Università).

"La realizzazione di un Piano per la ristrutturazione edilizia incentivando la cooperazione locale per la messa a norma ed il riutilizzo di piccoli negozi sfitti o non utilizzati dai proprietari nonchè la riqualificazione delle strutture commerciali del centro storico".
E infine "Valorizzare le periferie e i quartieri, attraverso la creazione delle “Piazze di periferia” come luoghi  di ritrovo in cui incentivare la presenza di attività commerciali e di artigianato tradizionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento