Elezioni, inizia il tour di Lucchi: "Nessuna differenza tra centro e il resto della città"

Lucchi come prima meta dopo la piazza del Popolo ha scelto di incontrare la gente in periferia, ossia a Pievesestina. Una location scelta non a caso

Dopo la breve puntata di sabato in centro storico, ossia in piazza del Popolo in occasione del mercato ambulante, è iniziata martedì per Paolo Lucchi, candidato del centrosinistra (ossia PD, SEL, PRC,  la lista civica “Semplicemente Cesena”, e la lista unitaria che raccoglie PSI e Scelta Civica) alle prossime amministrative, la marcia degli incontri tra la gente che terminerà soltanto con l’appuntamento elettorale.
Lucchi porterà i volantini che illustrano la sintesi del programma del cartello elettorale di cui è candidato sindaco nelle piazze, davanti ai centri commerciali, nei punti chiave dell’incontro fra la gente, nelle buche delle lettere della case e sarà disponibile al colloquio con chiunque vorrà ragguagli o avrà suggerimenti e idee.

Lucchi come prima meta dopo la piazza del Popolo ha scelto di incontrare la gente in periferia, ossia a Pievesestina. Una location scelta  non a caso. “L’attenzione sulla città - commenta, infatti, Paolo Lucchi -  non è inferiore o più concentrata a seconda che si tratti di periferia e centro. Cesena è una realtà unica ed unita anche se, comprensibilmente, evidenzia problematiche diverse a seconda dei quartieri. In questi anni, così come ci prepariamo a fare per quelli che verranno, abbiamo dedicato il medesimo impegno a tutte le aree della nostra città”.

Martedì Lucchi ha incontrato le gente alla mensa di Pievesestina, poi, insieme ad alcuni collaboratori, ha lasciato i volantini con il proprio programma nelle buche delle lettere di tutte le case della frazione. Quindi è stato davanti agli ingressi di un supermercato a Martorano e a Ronta.  Come è già capitato in altre occasioni simili i cesenati hanno colto l’opportunità per dire la loro al sindaco uscente che ripropone la propria candidatura al governo della città per i prossimi cinque anni. Lo stato delle strade, la sicurezza troppo spesso minacciata da furti ed episodi di delinquenza, il problema del lavoro hanno rappresentato gli argomenti su cui si è concentrata l’attenzione della gente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mercoledì si è svolto un pranzo con volantinaggio a Calisese, Bulgarnò e Madonna dell’Ulivo. Taèèa quindi al supermercato A&O di Calisese. Giovedì, invece, dalla prima mattinata (8,30) volantinaggio al mercato di Borello, poi  pranzo e passaggio casa per casa a Tessello,  casa per casa a San Carlo, alle 16 volantinaggio A&O San Vittore e, alle 17 volantinaggio Economy via Romea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento