Elezioni, continua il valzer dei "faccia a faccia" negati. Di Placido contrattacca

E' diventato il balletto delle elezioni a Cesena: sfide al confronto diretto "faccia a faccia" lanciate agli altri candidati come un guanto di sfida e rifiutate ora per un motivo, ora per l'altro

E' diventato il balletto delle elezioni a Cesena: sfide al confronto diretto ”faccia a faccia” lanciate agli altri candidati come un guanto di sfida e rifiutate ora per un motivo, ora per l'altro. Ha aperto le danze Luca Ferrini (Pri) che nella coalizione che sostiene Gilberto Zoffoli ha lanciato a Natascia Guiduzzi, candidata del M5S, la sfida ad un confronto diretto aperto con tutte le regole che vorranno i grillini. Niente da fare: Guiduzzi rifiuta, il M5S si rapporta direttamente ai cittadini.

Poi Zoffoli stesso, commentando un incontro con Lucchi, chiosa: “Meglio i confronti a due tra le coalizioni con più bacino elettorale”. Luigi Di Placido candidato dei Liberaldemocratici, però, struzzica e provoca, chiedendo un “faccia a faccia” a Zoffoli, a due. Lui però, respinto dalla Guiduzzi, respinge Di Placido: “Il nostro avversario è Paolo Lucchi”.

Ecco ora la risposta di Di Placido: “Il candidato del centro-destra, Gilberto Zoffoli, ha rifiutato la mia proposta di un confronto a due, solo io e lui. Me lo aspettavo: è consigliato da mediocri e probabilmente teme di uscirne con le ossa rotte. Le "motivazioni" ufficiali ("l'avversario politico di queste elezioni amministrative è uno solo: Paolo Lucchi", "vecchia strategia politica per tentare di racimolare qualche voto nel nostro bacino elettorale") sono solo scuse poco originali, che oltretutto dimostrano come non si conoscano neanche i meccanismi politici del voto amministrativo: se il nostro confronto servisse per convincere anche un solo elettore, il ballottaggio sarebbe comunque più vicino”.

“Strano questo centro-destra cesenate: chiede un confronto ai grillini, li accusa di "paraculismo" perché loro rifiutano, e poi a sua volta rifiuta il confronto che noi proponiamo. Idee chiare, non c'è che dire... Parlare di cosa succederà in caso di ballottaggio è inutile se non si creano le condizioni perché ciò si realizzi, e affinché ciò si realizzi occorre che si contribuisca a diffondere le idee quanto più possibile, e a mettere in luce le differenze, che tra noi e Zoffoli sono molte”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude Di Placido: “Paolo Lucchi, invece, ha accettato: in quella occasione si confronteranno due visioni palesemente distinte e distantissime della nostra città, e si vedrà la differenza tra chi ha il coraggio di metterci la faccia sempre e chi cerca scuse. Una ulteriore conferma del fatto che le alternative a Lucchi non sono tutte uguali, anzi alcune non sono proprio. Per fortuna noi non abbiamo questo problema”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento