Elezioni, si muovono le acque a destra: tra i papabili candidati l'enfant prodige Francesco Giubilei

E' stato l'editore più giovane d'Italia, ora, a soli 26 anni, potrebbe essere in corsa per accettare una candidatura a sindaco di Cesena nelle amministrative del 2019

E' stato l'editore più giovane d'Italia, ora, a soli 26 anni, potrebbe essere in corsa per accettare una candidatura a sindaco di Cesena nelle amministrative del 2019. Calchiamo sulla parola "potrebbe" perché - come spiega Francesco Giubilei - al momento non c'è assolutamente nulla di concreto, sebbene il suo nome circoli insistentemente come papabile di area conservatrice ma fuori dalle segreterie di partito. Potrebbe essere lui quindi a sfidare Enzo Lattuca, anche lui giovane ma con esperienza - 30 anni, ex deputato - candidato in pectore del Pd e di una coalizione di centro sinistra che si starebbe formando, oltre chiaramente al candidato che sarà espresso dal Movimento 5 Stelle.

Da fondatore di "Nazione Futura", un movimento di idee in ambito politico-culturale nato nel 2017 con all'attivo già una ventina di sedi in tutta Italia, Giubilei si dice disponibile a sedersi a un tavolino per ragionare insieme alle eventuali forze politiche di centro-destra locale un progetto comune concreto per dare un'alternativa alla città. 

Francesco Giubilei, cesenate doc, è un ragazzo particolarmente in gamba che ha sempre avuto a che fare con cultura e teoria ma che, fin da piccolo, ha capito l'importanza della pratica. La sua grande passione per i libri, infatti, l'ha portato a diventare editore a 18 anni. Ha fondato la casa editrice Historica, subito dopo la casa editrice Regnani Giubilei e ha aperto due negozi - uno a Roma e un altro a Milano. Parla fluentemente inglese, conosce bene le nuove tecnologie ed è già autore di sei libri. In più il suo impegno politico l'ha portato a diventare presidente della Fondazione Tatarella e fondatore di Nazione Futura. Insomma un curriculum di tutto rispetto. Ora Nazione Futura si presenterà, insieme a Romagna Opera di Patrizia Ricci, a Cesena sabato 29 settembre per parlare di futuro. Con lui saranno presenti l'onorevole Galeazzo Bignami di Forza Italia, Carlo Fidanza di Fratelli d'Italia, Antonella Celletti della Lega, Marco Casali di Libera Cesena e Cristina Cappellini, assessore alle culture e autonomie della Regione Lombardia. A moderare sarà Daniele Dell'Orco di Libero. 

"Per fare politica servono le idee, bisogna ripartire dai contenuti - spiega Francesco Giubilei - Il nostro obiettivo è sollevare tematiche importanti, delle quali la politica non sempre parla". 

Ma Nazione Futura è un partito?

"No, ma a Sanremo, per esempio, si presenterà la lista "Sanremo Futura". In altri territori ci saranno nostri rappresentanti all'interno di forze politiche. Uno sbocco politico di Nazione Futura, quindi, è previsto. A livello locale per ora abbiamo organizzato eventi e, insieme a un gruppo di persone motivate, affrontato contenuti importanti per la città".  

Si sente pronto per correre come sindaco?

"Io ho già un lavoro che amo moltissimo e diciamo che non ho bisogno di un posto in politica. Sicuramente, però, il fatto di lavorare per dare un'alternativa politica alla mia città mi interessa. Lo intendo come un servizio. Penso che sia necessario un rinnovamento cittadino che si apra anche alle persone della società civile e che presupponga, prima di tutto, competenza". 

I temi da affrontare a Cesena quali sono?

"Mancanza di sicurezza, mancanza di programmazione culturale, la necessità di organizzare politiche a sostegno dei giovani. Il centro storico...Ma più di tutto serve individuare una serie di valori comuni da portare avanti con i giusti toni che per me significano pacatezza e fermezza".

Berlusconi, Meloni o Salvini? A quale di questi si sente più vicino. 

"Non mi sento di fare un nome. Io so per certo che appartengo all'area conservatrice e quello che, insieme a tutto il gruppo, cerchiamo di fare con Nazione Futura è proprio rintracciare e far emergere un filo rosso tra questi partiti dell'area di centro-destra che possa fare da collante o stella polare. Una base teorica fatta di contenuti e valori su cui costruire il futuro". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento