Elezioni, Biguzzi: "Scommettere su famiglia, bambini e giovani"

"Occorre superare le logiche emergenziali e cominciare a lavorare in modo preventivo, per costruire delle alleanze attorno alle Persone promuovendo un modo di operare a livello di rete “a maglie strette”"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

"Il contesto attuale del nostro Paese, sembra non scommettere più sulle famiglie, sui bambini ed i giovani che devono essere considerati un Bene Comune perché rappresentano il futuro di tutti noi. Occorre superare le logiche emergenziali e cominciare a lavorare in modo preventivo, per costruire delle alleanze attorno alle Persone promuovendo un modo di operare a livello di rete “a maglie strette”. Sono indispensabili interventi universali, coerenti e non semplici aiuti occasionali. È necessaria una politica di lungo periodo che veda in questo punto un investimento irrinunciabile: serie e strutturali politiche economiche e fiscali a favore delle famiglie, sostegni concreti alla natalità, uniti alla promozione di una più ampia cultura dell’accoglienza dei bambini, così come un ampio programma di consolidamento del lavoro femminile, con soluzioni di conciliazione del tempo del lavoro con quello della famiglia, anche attraverso servizi adeguati e a basso costo.

Più interventi devono andare, per prima cosa, nella direzione di un rafforzamento di ruolo,  capacità e funzione sociale della famiglia. La famiglia, infatti, è il primo ambito in cui si forma e si configura la dignità inalienabile della persona, il valore della vita. Accanto alle proposte di riforma più frequenti,  proposte come l’assegno unico per il figlio e la dote unica per acquistare servizi di welfare, costruite rispettando il canone della progressività, comporterebbero l’uscita dalla soglia di povertà di numerosi nuclei familiari. Se premiamo chi non lavora, chi vuole andare in pensione prima e chi non paga le tasse finiamo per distruggere generatività e senso della vita perché non puntiamo abbastanza su chi crea lavoro, sulla formazione, sulla natalità e sulla cura delle relazioni.

Come Popolari per Cesena, consideriamo il tema delle politiche familiari e della natalità come priorità del nostro programma. Pertanto di “famiglia” si parla nel Patto per Cesena sottoscritto col candidato sndaco Enzo Lattuca con la costituzione di un’Agenzia per la Famiglia: un organismo collettore tra la parte politica (giunta), quella operativa (dirigenti amministrazione pubblica), le famiglie e le associazioni che le rappresentano con lo scopo di offrire servizi per le famiglie secondo una logica generativa e di prossimità.

L’Agenzia per la Famiglia dovrà intervenire con i seguenti strumenti prioritari: introduzione di un Fattore famiglia regionale da utilizzare per sostenere tutti i costi – oltre quelli primari - necessari alla crescita dei figli (salute, scuola, cultura, trasporti, vita sociale); addizionale regionale: individuare una soglia di esenzione crescente in base ai carichi familiari; ampliare lo strumento della Carta Famiglia regionale per famiglie con figli maggiorenni ancora a carico e per famiglie meno numerose, ma con Isee più basso; famiglie e mobilità: avviare progetti per integrare il sistema di abbonamenti e favorire l’uso dei mezzi pubblici;  testi scolastici: aumentare il tetto Isee vigente almeno per le famiglie con 2 o più figli a carico; rapporto famiglia/scuola/lavoro: promuovere tavoli di incontro per tenere viva l’attenzione su alternanza scuola-lavoro, formazione professionale e sbocchi lavorativi, lotta alla dispersione scolastica; politiche di conciliazione lavoro-famiglia:  attivare interventi di carattere pubblico (asili con orari adeguati ai bisogni famigliari, sistema di trasporto family friendly) accanto alla forte sensibilizzazione delle aziende; casa per le giovani coppie: a fronte di numerosi immobili vuoti, studiare soluzioni per rendere disponibili alle giovani coppie appartamenti a prezzi calmierati; istituire, a livello territoriale, degli “Sportelli unici per la famiglia” per garantire assistenza domiciliare (minori, adulti, disabili e anziani) ed aiuto alle famiglie senza reti; utilizzare risorse economiche e supporti psicologici adeguati al fine di salvaguardare il valore e la generatività della maternità,  oltre che la vita del nascituro; e adottare buone pratiche di politiche familiare per aderire al Network comuni amici della Famiglia. E’necessaria un’unità di intenti: occorre remare tutti nella stessa direzione per invertire la rotta. Si tratta di un segnale decisivo per ridare speranza all’Italia. Ne va del futuro del nostro bellissimo e amatissimo paese".

Francesco Biguzzi, responsabile Popolari per Cesena Area Persona e Società e candidato al Consiglio comunale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento