Elezioni, Articolo Uno sul tema della disabilità: "Cesena diventi una città inclusiva"

Articolo Uno - Movimento Democratico Progressista presenta alcune proposte in occasione della Giornata internazionale dedicata alla disabilità

In vista delle elezioni amministrative di maggio, "oltre ai nomi si discuta di quale idea di città ci sia nella mente". Articolo Uno - Movimento Democratico Progressista presenta alcune proposte in occasione della Giornata internazionale dedicata alla disabilità in quanto "Cesena non è sempre e soprattutto per tutti ancora una città propriamente inclusiva". "Una indagine di alcuni anni fa sulle attività commerciali e ristorative in centro storico, ha messo in evidenza l’inacessibilita’, completa o parziale, di circa il 90% delle attività rilevate - affermano da Articolo Uno - Mdp -. Sul fronte degli interventi pubblici, nonostante la presenza di un tavolo tecnico che da diversi anni si confronta con i tecnici comunali, i risultati ottenuti non sono sempre ottimali, la ristrutturazione di via Cesare Battisti, la ripavimentazione di piazza Amendola e la rinnovata Piazza della Libertà, per citarne alcuni, presentano comunque criticità che ne limitano la completa fruizione".

"Diventa perciò fondamentale che le amministrazioni comunali si dotino di "Piani per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche" da intendersi non solo come Piani di rimozione delle barriere ma anche come piani di manutenzione programmata - viene evidenziato -. Occorre ripensare l’organizzazione dei servizi- che possa prevedere una figura che faccia da coordinamento tra i settori oggi coinvolti in questi temi e che razionalizzi i lavori che oggi fanno capo a tre settori diversi (ai servizi sociali, all’urbanisica e all’edilizia pubblica)".

"Il tema del l’accessibilità, non dimentichiamoci, è estremamente ampio; non ci si concentri solo sulle disabilità motorie - viene aggiunto -. Ci battiamo per una Cesena inclusiva per tutti e per tutte anche a partire dalle disabilità sensoriali che troppo spesso. sono un mondo poco conosciuto e conseguentemente poco servito.  Proprio in questo campo si riscontrano ii maggiori problemi. Pensiamo che siano da mettere in campo iniziative che favoriscano per esempio l’accesso ai servi culturali per queste persone e per questi cittadini. Ci sono in questo campo progetti pilota in tutto il Paese che riguardano il cinema, il teatro e le biblioteche. La nostra città dovrebbe negli anni a venire trovarsi al centro di questi progetti e intervenire in modo significativo per farsi protagonista a livello regionale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento