Politica Sogliano al Rubicone

Elezioni, anche Sogliano si prepara al voto: le candidate firmano un patto di mandato con Cna

Si è svolto martedì sera un intenso confronto tra le candidate a sindaca di Sogliano al Rubicone Tania Bocchini, Caterina Gattamorta e CNA area Est Romagna

Si è svolto martedì sera un intenso confronto tra le candidate a sindaca di Sogliano al Rubicone Tania Bocchini, Caterina Gattamorta e CNA area Est Romagna.

Il confronto ha portato alla firma tra le parti di un vero e proprio accordo di mandato, in cui le candidate si impegnano, una volta elette alla carica di sindaca, a confrontarsi sui temi e sulle proposte presentate dall’associazione.

“Ci siamo posti – sottolinea Davide Caprili, presidente di CNA area Est Romagna – con la concretezza che ci contraddistingue, ponendo alcune proposte assolutamente chiare e fattibili, frutto del confronto quotidiano con le imprenditrici e gli imprenditori”.

Sono cinque le aree di confronto: politiche sovracomunali, per avere regole omogenee sul territorio e soprattutto una strategia comune per le infrastrutture. “Il tema delle infrastrutture – continua Caprili – è dirimente per un territorio come quello di Sogliano. Abbiamo rimarcato la necessità di adottare strategie a lungo termine, che mettano la città nelle condizioni di essere meglio collegata con le arterie principali, come la Via Emilia e l’E45. Con una visione di territorio più ampia è possibile e doveroso”.

Parlando di fiscalità locale si mette al centro la volontà di premiare le imprese che presentino progetti virtuosi di recupero, riciclo, riduzione della produzione di rifiuti. Incentivare le possibili buone idee delle imprese, è la via più veloce per cui i rifiuti da costo, si trasformino in valore.

La semplificazione vede proposte operative. “Non è uno slogan – sottolinea Marco Lucchi, responsabile di CNA Area Est Romagna – noi crediamo che si possa avere una amministrazione amica, che si pone per trovare dei sì e non si fermi ai no. Chiediamo la diffusione dell’autocertificazione, la digitalizzazione degli archivi, la costituzione di un “ufficio semplificazione” trasversale”.

Molto articolato il capitolo del sostegno alle imprese. “Tanto si può fare! – afferma Caprili – Appalti a km 0, agevolazione della rigenerazione urbana, sostegno alle neo imprese, ricambio generazionale, valorizzazione delle filiere (a partire da quella del formaggio di fossa), rendere i bandi a disposizione delle imprese più immediati, meno burocratici e meglio diffusi”.

Infine la lotta agli abusivismi e il sostegno alla sicurezza. “L’abusivismo che può sembrare un problema marginale in questa comunità – conclude Lucchi – può invece divenire un problema tale da creare condizioni di concorrenza sleale, spesso gravi per le imprese che operano nel rispetto delle regole. Per questo chiediamo protocolli tra le parti che garantiscano azioni concrete”.

Insomma, il manifesto presentato da CNA affronta temi importanti che i candidati paiono aver apprezzato. Il passo successivo consisterà nel creare le condizioni per realizzare quanto detto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, anche Sogliano si prepara al voto: le candidate firmano un patto di mandato con Cna

CesenaToday è in caricamento