Elezioni, la Cisl chiede "proposte concrete e non sogni nel cassetto"

Filippo Pieri, segretario generale della Cisl Romagna, presenta una lettera che è stata inviata a tutti i candidati nei collegi della Romagna per le elezioni del 4 marzo

"Europa, lavoro, fisco e welfare sono queste le priorità su cui i partiti dovrebbero presentarsi ai cittadini in vista delle prossime elezioni politiche e sulle quali la Cisl si aspetta delle proposte concrete e non sogni nel cassetto". Così esordisce Filippo Pieri, segretario generale della Cisl Romagna, presentando la lettera che è stata inviata a tutti i candidati nei collegi della Romagna per le elezioni del 4 marzo. Il sindacato cislino non si è limitato a chiedere ai candidati cosa pensano, ma ha elaborato analisi e proposte sia sulle questioni generali (in particolare su Europa, lavoro, fisco e welfare), sia sui temi locali quali il Sistema Romagna, lo sviluppo di qualità ecocompatibile e le infrastrutture.

"Nello specifico - prosegue Pieri - la Cisl pensa che occorra un affondo finale verso gli Stati Uniti d’Europa realizzando nel frattempo un Ministero europeo dell’Economia, emettendo Euro-bond per finanziare investimenti in infrastrutture fisico-digitali e per una gestione comunitaria delle politiche migratorie e sociali. Passando alle politiche del lavoro, noi riteniamo che sia necessario un contratto europeo per le aziende che operano in più nazioni: le vicende Ryanair e Amazon, solo per citarne alcune, sono un esempio di dumping contrattuale e sociale. Inoltre occorre accelerare sulla creazione e qualificazione dei centri per l’impiego ovvero le cosiddette politiche attive del lavoro".

"Per quanto riguarda il fisco - riprende Pieri - la Cisl ha presentato nel 2015 una proposta di legge raccogliendo oltre 500mila firme, ma i partiti sono stati sordi. Noi  sosteniamo il passaggio da un sistema fiscale che pesa per l’80% su lavoratori dipendenti e pensionati ad un sistema in cui chi davvero possiede di più, paghi di più, pur garantendo un’adeguata progressività. L’emergenza sociale è rappresentata dai quasi 5milioni di poveri assoluti, di cui 1,3 milioni di minori. Le politiche sociali devono essere indirizzate a diminuire queste situazioni di disagio, mettendo in rete gli interventi previsti dalle leggi nazionali e dalle delibere regionali e comunali".

"Inoltre - spiega il leader cislino - è doveroso migliorare il sostegno alle famiglie sia nel momento della nascita dei figli, sia quando i genitori diventano anziani e non sono più autosufficienti". Questi sono temi di carattere nazionale a cui Pieri aggiunge anche le priorità del territorio romagnolo che, secondo la Cisl Romagna, dovrebbero essere affrontate in modo sinergico tra gli amministratori locali e i futuri rappresentanti in Parlamento eletti in Romagna, senza distinzione di appartenenza partitica.

"Anzitutto a nostro avviso è vincolante considerare le tre province romagnole come un unico sistema, che noi definiamo Sistema Romagna, ma non è importante la denominazione. Ciò che è fondamentale è superare i confini e progettare su base romagnola il futuro sociale e produttivo, sorpassando i limiti provinciali. Poi viene la scelta del modello di sviluppo - sostiene Pieri - che è dirimente per migliorare il già buon sistema sociale ed economico della Romagna. La Cisl è convinta che sia vitale un modello di sviluppo fondato sulla qualità. Infatti le ricerche istituzionali e quelle dei centri studi dimostrano che i sistemi votati alle produzioni con alto valore aggiunto, quindi indirizzate soprattutto ai mercati esteri, sono quelle che consentono una crescita economica duratura e creano occupazione stabile e di qualità".

"Il sistema universitario non può essere estraneo a questo percorso - evidenzia il sindacalista - è uno dei fattori decisivi che potrebbe sostenere con ricerca e innovazione il tessuto di piccole e medie imprese, poco patrimonializzate e che difficilmente possono permettersi investimenti importanti. L’innovazione di processo e di prodotto è già presente nel territorio, ma solo in alcune grandi imprese che sono diventate leader internazionali nei settori agroalimentare, del benessere fisico e delle costruzioni.”

Per concludere “in questo contesto è essenziale pensare in termini ecocompatibili perché la Romagna è per natura un territorio a vocazione agroalimentare e turistico per cui la prima risorsa da preservare, e in alcuni casi da recuperare, è l’ambiente. Solo con questa premessa si possono progettare infrastrutture a servizio dei cittadini, delle imprese e dei turisti: definendo il ruolo del porto di Ravenna, dei due aeroporti (Forlì e Rimini), della mobilità del lungo costa, della mobilità dolce e del collegamento stradale della E55". "La Cisl valuterà con estrema attenzione i programmi dei candidati e degli schieramenti, analizzandone anzitutto la fattibilità e la ricaduta sulle persone che rappresenta. Ma ci sentiamo di lanciare un appello ai nostri associati e a tutti i cittadini – termina Pieri - affinché utilizzino il loro diritto al voto il prossimo 4 marzo, perché la democrazia chiede partecipazione".-

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impressionante salto di carreggiata per un Tir in autostrada: brividi, feriti e code in A14

  • Porta un "Oktoberfest" a Cesena, dopo tanta 'cultura' in giro per l'Europa apre la birreria

  • Cesenatico, caccia all'affare: il Comune mette all'asta quattro case

  • Superenalotto, la fortuna continua a baciare Savignano. Sfiorato il colpo milionario

  • Si cerca un nuovo proprietario per l'hotel, la base d'asta è 1,8 milioni di euro

  • Bloccarono i cancelli dell'azienda: "Per 14 lavoratori licenziamento definitivo, pronta la causa"

Torna su
CesenaToday è in caricamento