E 45, Bulbi spinge sull'acceleratore: "Decidere ora sulla via Emilia bis"

Sulla questione E45-E55, il presidente della Provincia di Forlì-Cesena, Massimo Bulbi interviene in consiglio provinciale: “Da agosto ad oggi si è concretizzato un risultato importante

Sulla questione E45-E55, il presidente della Provincia di Forlì-Cesena, Massimo Bulbi interviene in consiglio provinciale: “Da agosto ad oggi si è concretizzato un risultato importante e un’opportunità molto robusta per il territorio. Il percorso è iniziato con l’impegno preso dal ministro Lupi nel corso di un incontro al Meeting di Rimini. C’era al Cipe la preoccupazione del ministro dell’Economia per la defiscalizzazione dell’opera, ma giustamente se non ci sarebbe l’opera non ci sarebbe stata neanche il conseguente gettito fiscale. Posso dire che la “testardaggine” del ministro Lupi ha consentito che, dopo 4 rimandi al Cipe, questa volta la delibera sull’E45-E55 è stata approvata l’8 novembre, un investimento di circa 9 miliardi di euro”.

“Ora entro il 7 gennaio viene inoltrata alla Corte dei Conti. Entro il 30 aprile il concendente pubblicherà il bando, per ottenere un eventuale proposta migliorativa di quella del privato promotore. Il primo affidamento riguarderà l’Orte-Ravenna, la sistemazione di tutta l’E45 per 4 miliardi di euro. Nei primi mesi del 2016 ci potrà essere l’apertura dei cantieri. La Regione sul progetto ha presentato le sue prescrizioni, alcune accolte come la messa in galleria di un tratto a San Piero in Bagno e il potenziamento dell’uscita di Casemurate. - precisa Bulbi -Non sono stati accolti, in quanto troppo costosi rispetto a quanto concede la norma, la realizzazione della terza corsia tra San Vittore e A14 e la via Emilia Bis. Il nostro territorio deve ora lavorare unito per l’inserimento della via Emilia Bis nel progetto. Bisogna decidere ora, se sì o se no. Altrimenti nessuno potrà andare a Roma, né io né altri, ad avanzare richieste né al ministro né al promotore, il gruppo Bonsignore”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per altre soluzioni per il collegamento Forlì-Cesena non esistono finanziamenti, questo deve essere chiaro. Nell’ultimo incontro ci sono state richieste da parte dei sindaci di Forlì e di Forlimpopoli per modifiche di tracciato, e a riguardo ho già contattato i tecnici. Anche la via Emilia Bis potrebbe rientrare nella defiscalizzazione delle opere pubbliche: questo porterebbe l costo di quest’opera a carico degli enti locali di circa 35 milioni. Una cifra che possiamo reggere tranquillamente assieme. Con questa opera potremmo rientrare nella prima tranche del progetto. Il ministro Lupi è stata una persona davvero molto vicina a questo territorio”, chiude.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento