Venerdì, 17 Settembre 2021
Politica

Di Placido (LibDem): "La Corte dei Conti fa rilievi, ma ovviamente sbaglia..."

"Spiace ricordare al Signor Sindaco che la Corte dei Conti non ha verificato tutto il bilancio, ma solo i patrocini legali affidati dall'Amministrazione"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Spiace ricordare al Signor Sindaco che la Corte dei Conti non ha verificato tutto il bilancio, ma solo i patrocini legali affidati dall'Amministrazione, quindi la percentuale di rilievo non è lo 0,0005%, ma bensì un più eclatante 100%.  Sul fatto che il “faro” della Corte si è acceso su una cifra “pari allo 0,0005% del bilancio”, ci piace richiamare il concetto spesso utilizzato dal Vice-Sindaco: ma come si fa a mescolare quella spesa con tutte le altre spese (comprese quelle non legate ad incarichi od affidamenti, tipo il personale, che impegna solitamente il 20/25% della voce "spese"), se non con la volontà di confondere i cittadini?

Spiace ricordare al Signor Sindaco che i privati sono legittimati a scegliersi l'avvocato di fiducia, purtroppo le Amministrazioni Pubbliche non possono scegliere come fornitori gli amici, dal momento che bisogna applicare il Codice dei contratti (questo sconosciuto) anche per la scelta degli avvocati. E così fanno in tutte le amministrazioni pubbliche (almeno dovrebbero). Informiamo il Signor Sindaco che applicare le regole non è una scelta, nemmeno per il suo ego ipertrofico: applicare la legge è una prerogativa, e dichiarare il contrario non lascia certo tranquilli sulla gestione degli appalti a Cesena (soprattutto dopo casi come quello di Habenas, ancora in attesa di chiarimenti).

Infine, le buone notizie. Confermiamo al Signor Sindaco che applicando le regole del codice dei contratti (ovvero la formula dell'offerta economicamente più vantaggiosa, che valuta sia l'offerta economica che, in maniera preponderante, la qualità tecnica), e lavorando con dirigenti adeguatamente formati, senza pressioni politiche, con programmazione e esperienza, è perfettamente possibile incaricare i fornitori migliori. Purtroppo, anzi per fortuna, non è detto che i fornitori migliori siano quelli più graditi o “vicini”. Visto che in passato pare che non si sia applicato il nuovo codice degli appalti per mancanza di formazione, ci permettiamo un suggerimento: spendiamo 3 milioni di Euro per fare una piazza, potremmo spendere anche 1.000 euro per un corso sugli appalti.

Luigi Di Placido

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Placido (LibDem): "La Corte dei Conti fa rilievi, ma ovviamente sbaglia..."

CesenaToday è in caricamento