Di Placido (LibDem): "Asl unica, si volevano eliminare sprechi, invece sono stati creati"

"Che sprechi si pensa di poter combattere se, al contrario, li si crea ad arte? Come si può pensare di essere buoni amministratori, a fronte di errori tale evidenza? Questa ipocrisia va stanata e combattuta"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Ho letto l’intervista del Sindaco Lucchi su tempi di attesa e disservizi nella sanità locale. Alla domanda sull’unità di supporto per la conferenza dei Sindaci egli risponde che è “necessaria per 73 Sindaci”. Necessaria per fare cosa? Sinceramente non capiamo.

Già tutta la struttura Ausl è di supporto alla conferenza dei Sindaci, e ogni Sindaco ha già uno staff che lavora per organizzargli al meglio il lavoro. Istituire una nuova unità operativa di questo tipo, fatta di sei persone, con due dirigenti, è un pessimo segnale, soprattutto se commisurato ai lamenti per i tagli richiesti alle Regioni e alle tanto sbandierate volontà di razionalizzazione della spesa sanitaria.

Lo sport preferito della nuova dirigenza dell’Ausl unica è creare capi, e capi dei capi, attraverso una fioritura impressionante di mansioni: e al malato quando ci si pensa? Piazzare in organico quei sei posti significa sistemare gli “attuali”, ma significa anche tenere in organico posti che non servono. A casa nostra questo ha un nome: scandaloso e intollerabile spreco.

Che sprechi si pensa di poter combattere se, al contrario, li si crea ad arte? Come si può pensare di essere buoni amministratori, a fronte di errori tale evidenza? Questa ipocrisia va stanata e combattuta, poiché essa non è altro che mera gestione del sistema di potere esistente. Anche alla luce di vicende come questa, appare sempre più urgente la scelta di un nuovo gruppo dirigente che prosegua nel difficile assemblaggio dell’Ausl unica, partita con grandi speranze e, fino ad oggi, rivelatasi una grande delusione.

Luigi Di Placido. Liberaldemocratici per Cesena

Torna su
CesenaToday è in caricamento