rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Politica

Crisi del mercato immobiliare, "Negata la trasformazione dell’area a Case Frini"

Interroga il movimento politico: "Se l’amministrazione ha molti dubbi, in virtù del perdurare delle crisi immobiliare, sull’effettiva capacità del mercato di assorbire ulteriori quote di nuove costruzioni, questi dubbi non dovrebbero esserci anche per la grande opera Novello?"

Mercato immobiliare e Novello sono al centro di alcune riflessioni di CesenaSiamoNoi. "Nei giorni scorsi - esordisce il movimento politico - l'amministrazione cesenate ha deciso di negare la trasformazione dell’area in località Case Frini (che si colloca ad est dell’area Montefiore) con apposito Accordo di Programma in variante al Prg vigente, che prevede la realizzazione di un intervento misto residenziale e due strutture commerciali non alimentari da 2500 metri quadrati e la cessione al Comune di 10 alloggi di edilizia residenziale sociale per 750 metri quadrati. Le motivazioni del diniego, utilizzate dall’amministrazione sembrano poco coerenti con scelte già intraprese. Tra le motivazioni del rigetto si legge che “… il perdurare della crisi immobiliare, sia nel settore delle costruzioni residenziali che produttive/commerciali, pone molti dubbi sull’effettiva capacità del mercato di assorbire ulteriori quote di nuove costruzioni e nuove quote di superfici commerciali”".

CesenaSiamoNoi chiede il "perché negare questo accordo di programma (che prevede la cessione al Comune di 10 appartamenti) sulla base di queste giuste considerazioni, mentre il grande quartiere Novello, che prevede ben oltre 300 alloggi in social housing di fronte al comparto Europa è stato difeso a spada tratta dal Pd, anche sul presupposto della capacità del mercato immobiliare di assorbire i nuovi appartamenti, con la contrarietà di tutte le opposizioni, nonostante non sia stato chiarito il reale costo al calpestabile degli alloggi, nonostante il trend demografico sia stazionario se non in decrescita e nonostante ci sia un patrimonio di case sfitte che supera le 3mila unità. In breve, la lettura del mercato immobiliare ci sembra funzionare a senso alterno e cambiare a seconda del richiedente. E poco importa se gli affitti previsti nel grande quartiere Novello non saranno accessibili alla domanda di case che proviene principalmente da famiglie al di sotto della fascia media. Domande e considerazioni a cui l’amministrazione ha sempre risposto in maniera superficiale, evasiva e poco argomentata, lasciando molte perplessità e zone grigie (come la non meglio identificata “fascia grigia”, termine usato dall’amministrazione per definire in modo generico i destinatari dell’operazione immobiliare Novello).  

Interroga il movimento politico: "Se l’amministrazione ha molti dubbi, in virtù del perdurare delle crisi immobiliare, sull’effettiva capacità del mercato di assorbire ulteriori quote di nuove costruzioni, questi dubbi non dovrebbero esserci anche per la grande opera Novello? Non sarebbe inoltre opportuno che l’amministrazione, come più volte sottolineato e proposto da Cesena Siamo Noi e da tutta l’opposizione, si fermi con questo progetto prima che sia troppo tardi? Se il mercato è saturo, come andiamo dicendo da tempo, e la stessa amministrazione lo dichiara, qual è l’interesse della città nel procedere alla realizzazione di questa spropositata operazione immobiliare? Sembra proprio che alla forza delle idee si sostituisca quella del vento, che fa cambiare direzione della bandiera a seconda della direzione da cui proviene".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi del mercato immobiliare, "Negata la trasformazione dell’area a Case Frini"

CesenaToday è in caricamento