Coronavirus, il Pd: "Bene l'accordo per la cassa integrazione in deroga"

"Bene fa anche, a livello comunale, l'Assessore Ferrini a proseguire i suoi incontri con le parti sociali e le associazioni di categoria, per il sostegno delle attività del territorio: come PD siamo disponibili a seguirlo e aiutarlo in questo percorso"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Durante questo periodo in cui si cerca di affrontare il coronavirus, ognuno con responsabilità nei confronti degli altri, emerge la necessità e l'importanza della tutela del lavoro e dell'assistenza alle famiglie.

In questa nuova crisi che stiamo affrontando, così come proposto anche dal PD nazionale e non solo, è fondamentale, ad esserci, l'allargamento del congedo parentale per poter assistere i figli a casa per l'emergenza sanitaria. Importanti gli ammortizzatori sociali, in particolare la cassa integrazione in deroga e il fondo di integrazione salariale introdotti per le zone rosse, ma ormai ugualmente necessari anche per il resto del territorio, come importante concedere anche la posticipazione dei pagamenti.
Un primo segnale importante è arrivato dalla Regione Emilia-Romagna. Venerdì scorso è stato infatti siglato il primo accordo, a livello nazionale, con le parti sociali: 38 milioni di euro per garantire per un mese, estendibile a tre, la cassa integrazione in deroga con effetto retroattivo a decorrere dal 23 febbraio. Possono accedervi in deroga i datori di lavoro del settore privato e le unità produttive o operative situate in Emilia-Romagna, a beneficio dei lavoratori subordinati il cui rapporto di lavoro sia stato sospeso in tutto o in parte o a cui sia stato ridotto l’orario di lavoro a causa degli effetti economici negativi conseguenti alle ordinanze.

Bene fa anche, a livello comunale, l'Assessore Ferrini a proseguire i suoi incontri con le parti sociali e le associazioni di categoria, per il sostegno delle attività del territorio: come PD siamo disponibili a seguirlo e aiutarlo in questo percorso.

"Il lavoro è la nostra libertà, la nostra indipendenza, la nostra vita", ma perché sia tale deve essere giusto ed adeguatamente retribuito.
Il Lavoro, giusto ed equo, è uno degli elementi di Giustizia Sociale. Il Lavoro necessità di investimenti che lo rilancino in ottica anche di lungo periodo. Rimane fondamentale non viaggiare "a vista", ma avere un piano, come quello proposto dal Segretario nazionale del PD Nicola Zingaretti, con cinque punti concreti:
- Una scuola che dia opportunità e futuro;
- Una nuova economia. Una rivoluzione verde;
- Dall’Italia burocratica all’Italia semplice e connessa;
- Un Equity Act per ridurre le disuguaglianze;
- Salute, cura e assistenza per non lasciare soli i più deboli.

Ora, anche a livello locale occorre procedere a rilanciare concertazione, confronto e investimenti nelle nuove imprese e valorizzazione delle eccellenze lavorative locali, piccole e grandi.

Il gruppo consiliare PD Cesena
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento