menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovedì il consiglio comunale: si conferma la restituzione della Tasi ai cittadini

La delibera più importante è quella relativa all’approvazione del rendiconto 2014, ovvero il bilancio consuntivo del Comune di Cesena dell’anno passato, che viene chiuso nei tempi fissati dalla legge (entro il 30 aprile appunto)

Giovedì pomeriggio nella sala consiliare di Palazzo Albornoz è in programma il Consiglio comunale, che prevede all’ordine del giorno la discussione di nove punti (6 delibere, due mozioni e un ordine del giorno). La delibera più importante è quella relativa all’approvazione del rendiconto 2014, ovvero il bilancio consuntivo del Comune di Cesena dell’anno passato, che viene chiuso nei tempi fissati dalla legge (entro il 30 aprile appunto), quando invece molte amministrazioni comunali non riescono a rispettare questa scadenza.

Dal consuntivo emerge un avanzo di bilancio, determinato dalla necessità di rispettare una serie di vincoli, primi fra tutti quelli del Patto di Stabilità, che ammonta a poco più di 7,3 milioni euro, ma la quota immediatamente a disposizione de Comune è quella vincolata ad investimenti pari a 1,3 milioni di euro che vengono destinati già con la variazione in discussione giovedì in Consiglio. Vi sono poi 2,7 milioni di euro che non possono essere destinati subito, sull’utilizzo dei quali l’orientamento dell’amministrazione comunale è il seguente: 700mila euro serviranno per la messa in sicurezza del territorio, consentendo di rimpinguare il  fondo di riserva 2015 per le emergenze (già intaccato con l’ondata di maltempo del febbraio scorso) e di prevedere opere di messa in sicurezza. Un milione e mezzo di euro, invece, servirà per compensare nel 2015 i minori introiti per l’Imu agricola, mentre i restanti 400mila euro andranno per migliorare il sistema di illuminazione pubblica.

“Arrivare con i conti in ordine alla scadenza di legge per l’approvazione del consuntivo – spiegano il sindaco, Paolo Lucchi e il vicesindaco, Carlo Battistini – ci permette di destinare subito parte dell’avanzo di bilancio alla messa in sicurezza idrogeologica del nostro territorio. E’ bene ricordare infatti che per la città potranno essere spesi solo 2,7 milioni di euro, e non tutti i 7,3 milioni poiché 3.300.000 euro sono normativamente vincolati in Fondi rischi e svalutazione crediti (non potranno quindi essere reinvestiti per la nostra città ed anzi, se non utilizzati, compariranno nell'avanzo 2015)”.

IUC-TASI - Gli altri due importanti punti di discussione in Consiglio comunale, sono le integrazioni alla delibera consiliare del 22 dicembre scorso, relativa alle aliquote e altre misure applicative per il 2015, del Tributo per i servizi indivisibili (IUC-TASI) e la prima variazione al bilancio di previsione 2015 e pluriennale 2015-2017. In questa occasione si metteranno in evidenza le scelte dell’amministrazione volte alla restituzione alle famiglie cesenati del maggior gettito Tasi incassato nel 2014, attraverso l’applicazione di  una detrazione di 67 euro per tutte le abitazioni principali, già dalla rata di giugno. “Facendo un quadro di insieme – concludono il Sindaco, Paolo Lucchi e il Vicesindaco, Carlo Battistini -, confermando la restituzione della Tasi ai cittadini, si avrà quindi una riduzione complessiva di tributi per circa 28mila famiglie cesenati, a tutto vantaggio del loro potere di acquisto”.

LAVORO - Gli altri punti all’ordine del giorno prevedono l’approvazione della convenzione per il conferimento da parte dei Comuni di Bagno di Romagna, Cesena, Mercato Saraceno, Montiano, Sarsina e Verghereto, all'Unione Valle Savio del servizio di prevenzione e protezione nei luoghi di lavoro; l’approvazione dell’appendice alla convenzione tra l'Unione Valle Savio e il Comune di Cesena per la gestione associata dei servizi di staff; e l’adozione in variante al Prg del piano urbanistico attuativo di iniziativa pubblica, Area ex Ppip di Calisese. Per quanto riguarda le mozioni, il consigliere Andrea Pullini del Pd ne presenterà una sulla sicurezza e l’ordine pubblico, mentre il gruppo Movimento Cinque Stelle ne presenterà un’altra “volta ad avviare da parte del Comune di Cesena la stesura di un piano organizzativo per affrontare la crisi umanitaria legata al probabile arrivo in Romagna e a Cesena nei prossimi mesi e anni di centinaia o migliaia di profughi africani”. L’ultimo punto è un ordine del giorno presentato dal gruppo consiliare “Libera Cesena” relativo ad Expo 2015 che inizierà a Milano venerdì 1° maggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento